Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Olivier Ayache-Vidal torna al cinema con Il professore cambia scuola per parlare di costume e società, della situazione socio-politica francese, partendo dai banchi di scuola. Erge a protagonista della vicenda Francois Focault, stimato professore di Lettere, che si ritroverà a insegnare in un liceo di periferia dopo essersi lamentato dei problemi nelle scuole dislocate all’interno dei quartieri più disagiati.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Così, una funzionaria dell’Educazione Nazionale gli cambierà la vita: lo metterà in contatto con un mondo che è tutt’altra cosa rispetto al centro di Parigi.

Il regista parla della Francia, delle sue contraddizioni e delle sue virtù, ma affronta in particolar modo la prosopopea dei quartieri alti e la presunzione di chi vive certi accadimenti con distacco. Spiccata è la convinzione che lamentarsi dei problemi che affliggono la società sia più facile quando quei problemi non ci coinvolgono in maniera diretta. Tale assunto è incarnato dalla figura di Focault, che parla di periferia e riqualificazione delle zone disagiate senza mai agire concretamente: quando si troverà a dover agire, costretto da un trasferimento inaspettato, potrà vedere con i propri occhi quartieri e coscienze dimenticate. E darà una sferzata ai suoi metodi d’insegnamento.

Il professore cambia scuola ricorda un po' L’attimo fuggente e un po' Io speriamo che me la cavo: un film che mescola cultura popolare e cultura classica per dar vita a un concentrato di genuinità. Il girato offre un focus su tutto quello che i libri non possono insegnare, ovvero il disagio sociale di chi nasce (non per scelta) in una condizione differente. Ayache-Vidal parla di studenti per sollevare delicatamente anche la questione migranti, legata al cosmopolitismo di Parigi.

Un film che ricorda un po' L’attimo fuggente e un po' Io speriamo che me la cavo.

L'espediente si conferma adeguato, quindi, anche per muovere una critica accennata a determinate politiche sociali che hanno dato vita al malcontento francese. Diverso non equivale a dannoso e solo la cultura e il sapere può confermare tale assunto.

Il professore cambia scuola è un salto in quella quotidianità spesso accantonata e solo talvolta ripescata dai media. Olivier Ayache-Vidal ci catapulta dentro un paradigma sociale limite, per mostrarci le opportunità e le pecche che il nostro atteggiamento sta offrendo a chi chiede solamente una mano tesa. Accende i riflettori sul pressappochismo che attanaglia certi ambienti rispetto ad altri e lo fa scontrare con la semplicità di ragazzi che chiedono unicamente considerazione, piuttosto che lassismo e sconforto.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo