Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Se La vita in un attimo fosse stato un mediometraggio di poco più di mezz’ora, se la vicenda si fosse conclusa con quello che invece (purtroppo) è solo il primo atto... sarebbe stato uno dei film più belli di questi ultimi anni.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Neanche nel suo capolavoro, la serie This is Us, Dan Fogelman aveva realizzato qualcosa di così ben riuscito. Anche perché il tema di La vita in un attimo, reso molto più esplicito nel titolo originale Life Itself, è quello su cui Fogelman ha dimostrato di costruire la sua intera produzione di autore. Ognuno di noi, al momento di narrare una storia, finisce per mentire agli altri e a se stesso. E se ogni racconto - reale o di fantasia - è una bugia, allora è la vita stessa a essere l’unico vero narratore attendibile. Tra intrecci imprevedibili, flashback e incontri impossibili, Fogelman costruisce una storia a incastro, un po’ in stile Babel, per raccontare la vicenda di una famiglia tra Stati Uniti e Spagna.

La vita in un attimo poteva essere un film estremamente originale, ben scritto (la vivacità dei dialoghi nella prima parte compete con le commedie di Nora Ephron) e perfettamente coerente con il resto della produzione del suo autore. Ma Dan Fogelman, che chi ha visto This is Us sa bene quanto ami abbracciare i propri personaggi, stringerli al petto come figli, finisce stavolta di stritolarli in una morsa: a sfuggirgli dalle mani non è solo l’intera storia, ma anche l'attenzione del pubblico.

Seguire l’intreccio di personaggi è quasi impossibile, come del resto sopportare la soap opera ispanica che occupa la seconda metà del film.



Come è potuto succedere che quello che doveva essere un ottimo indie, sentimentale e sincero, d’un colpo sia diventato un polpettone melenso? Cosa ha spinto Fogelman ad abbandonare Will, Abby e Dylan (il suo “monologo mentale” di bambina è una vera meraviglia) per spostare a un certo punto l’azione in Spagna, nell’assurdo melodramma di una famiglia andalusa, tra triangoli amorosi, malattia, traumi e sogni infranti? Mistero.

Seguire l’intreccio di personaggi è quasi impossibile, come del resto sopportare la soap opera ispanica che occupa la seconda metà del film e rassegnarsi all’epilogo, scarno e superficiale come uno spot televisivo. La vita in un attimo fa arrabbiare: fa arrabbiare perché il Time lo ha definito il peggior film del 2018 e invece poteva davvero essere uno dei migliori. Perché Oscar Isaac, attore incredibile, viene liquidato dopo mezz’ora; perché Olivia Wilde fa poco più del suo dovere ma è comunque migliore della lacrimosa Laia Costa; perché c’è Antonio Banderas che, ormai, interpreta solo e sempre Antonio Banderas.

E fa arrabbiare perché un film così arriva da Dan Fogelman, uno che lo sa davvero come si racconta la vita. Che peccato.

di Aurora Tamigio
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo