Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Sofia Recensione


Sofia Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

In un periodo storico come quello attuale, in cui il progresso avanza ma aumentano i tabù nella morale, nel costume e nella società, Meryem Benm'Barek-Aloïsi ci porta in Marocco – precisamente a Casablanca – per farci conoscere Sofia: una ragazza di 20 anni che cerca di nascondere la sua gravidanza alla famiglia. Al momento del parto, quando più nulla può essere ormai celato, la neo mamma dovrà farsi scudo dalle costrizioni familiari che vorrebbero spingerla al matrimonio (una tappa obbligata) con l’ignoto padre del bambino.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Questo film, che prende il titolo dal nome della protagonista, ci guida nei territori dell’assurdo che non sono costituiti dagli scorci di una terra dalle mille profondità, bensì dalla dubbia moralità di chi la abita. Benm’barek passa al setaccio le convinzioni di una famiglia bigotta che preferisce la segregazione all’espansione dei rapporti umani.

Tale assunto si staglia contro le nuove generazioni che si ritrovano, come la protagonista, a scontrarsi con lo status quo. La società non garantisce loro una vera e propria emancipazione; infatti sono costrette a fare i conti – oltre a doversi barcamenare fra realtà e forma – in difesa di una condotta distorta. Celare i propri istinti, soffocare i propri desideri, per rispettare il buon nome di una famiglia fondata secondo canoni e stilemi antiquati.

Sofia, dunque, va a inserirsi in un filone più ampio che non cerca solo di analizzare la condizione della donna – concepita, in Marocco (ma non solo), esclusivamente come portatrice sana di vita, senza aspirazioni o futuro – ma vuole interrogarsi (attraverso gli occhi puri e disincantati della gioventù) sullo spinoso tema dei diritti individuali. Sofia, quindi, è un film basato sulla privazione che dovrebbe (secondo il delirio sociopolitico vigente in talune dimensioni geografiche) spingere alla realizzazione utopica di un mondo migliore. La regista coltiva la speranza che ognuno, nato dalla parte più complicata del mondo, riesca a liberarsi dalle catene che un determinato retaggio culturale può imporre.

Il girato respira poco dal punto di vista narrativo, ma solamente perché ci immette – senza alcuna mediazione – all’interno di paradossi ingestibili. Dove la famiglia è più simile a un’istituzione che a un nucleo, in cui vige esageratamente la legge del patriarcato.

La famiglia è più simile a un’istituzione che a un nucleo, in cui vige esageratamente la legge del patriarcato.

È proprio questa difficoltà che Meryem Benm'Barek-Aloïsi racconta in maniera dettagliata, facendo notare quanto per la protagonista non ci siano sbocchi alternativi. Se non quelli che lei stessa si crea, fondati sulla menzogna.

Ecco, dunque, che si fa leva anche sul concetto di contaminazione: quello che viene considerato puro viene “macchiato” da retaggi oscuri, il modo più facile per costruire muri piuttosto che abbatterli; allora prevale la menzogna alla trasparenza, l’incomprensione alla chiarezza, l’aridità alla distensione. Si presta il fianco a un latente sviluppo psicologico della trama, che dovrebbe essere la ciliegina su una torta fatta di sottrazioni, che non trova la giusta enfasi ma rende l’idea di quanto certi diritti non siano affatto scontati e restino il frutto di silenziose conquiste avvenute nei secoli.

Potrebbero, perciò, venire meno da un momento all’altro se non ce ne prendessimo cura adeguatamente.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo