Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

L'erba cattiva Recensione


L'erba cattiva Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Wael (Kheiron) è un ragazzo non più giovanissimo: la sua vita, già dalla più tenera età, è stata una lotta per la sopravvivenza. Insieme a Monique (Catherine Deneuve) mette a segno alcuni furti, le cui vittime sono sempre uomini anziani e soli.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Lo schema si ripete sempre identico: mentre la donna si fa aiutare da un anziano a caricare una cassa d’acqua in macchina, uno sconosciuto - dal volto coperto - le ruba la borsetta, fuggendo. L’anziano, preso alla sprovvista, rincorre il ladro per recuperare la borsa. L’uomo, nel restituire l’oggetto rubato, non vede più ne la donna né la sua spesa; in compenso al suo interno trova il lapidario messaggio: «Così impari ad aiutare gli altri». La truffa va avanti finché un giorno uno dei malcapitati non si accontenta solo di recuperare la borsetta, ma vuole anche acciuffare il furfante, restituendolo alla giustizia. È così che Wael e Monique - nell’espiazione della propria colpa - troveranno la strada del giusto camino, per realizzare ciascuno il proprio destino.

L'erba cattiva si basa su un gioco di simmetrie/asimmetrie, il cui sviluppo genera un sottile capovolgimento di senso attraverso lo strumento dell’ironia. I protagonisti sono similmente e simmetricamente “non più giovani", ma alla convenzione della legge, che vorrebbe assestare le loro attitudini “criminali", entrambi oppongono la forza della cultura - ovvero quel che l’esperienza di vita ha fatto di loro - nel tempo delle reciproche vicissitudini. Questo gioco sintattico (visibile sul piano narrativo), insieme a quello semantico (percepibile sul piano del senso), costringe lo spettatore ad oscillare dal piano emotivo a quello comico, con una delicatezza e una potenza tale da ricordare lo struggente quanto irriverente cult francese Quasi amici.

L'erba cattiva di Kheiron, che nel film interpreta Wael, si apre con una scena drammatica, ma il cambio di registro è immediato.

Wael è un sopravvissuto nel senso più ampio del termine: non si limita a vivere ai margini della sua esistenza, ma si impegna a darle un senso giorno dopo giorno.

Il processo di immedesimazione nei confronti del protagonista non è immediato: lo spettatore impara a conoscere il personaggio lentamente, attraverso i suoi flashback (piano della memoria) e le azioni compiute nel presente (piano del reale): il lato comico di cui è intriso il presente, nonostante un passato tragico, accelera la capacità di empatizzare con il personaggio. L’ironia è la chiave di lettura della vita, l’ancora della sopravvivenza.

Wael è un sopravvissuto nel senso più ampio del termine: non si limita a vivere ai margini della sua esistenza, ma si impegna a darle un senso giorno dopo giorno; e questa singolare capacità di attribuire significati lo rende fuori dal comune e, pertanto, al limite della legge come ordine costituito. Egli rappresenta il dis-ordine, come alterazione dell’ordine, come qualcosa di altro rispetto all’ordine comunemente inteso, ma non privo di controllo o di senso etico. Sarà un’autoritá sui generis a riconoscere il valore di Wael, ribaltando l’assunto primo del film: così impari ad aiutare gli altri.

Possibile che chi esorta gli altri a desistere da pratiche altruistiche non sia per natura invece votato ad aiutare gli altri?

di Antonella Sugameli
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo