Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

A un metro da te Recensione


A un metro da te Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

A un metro da te, del regista Justin Baldoni, tratto dal romanzo omonimo di Rachael Lippincott, è una delicata e struggente storia d’amore che prende forma fra le corsie asettiche di un grande ospedale. Ne sono protagonisti Stella Grant e Will Newman, due diciassettenni affetti da fibrosi cistica, grave malattia degenerativa di origine batterica che colpisce l’apparato respiratorio e che richiede pesanti e continue terapie farmacologiche che vanno a influire negativamente sulla vita sociale e relazionale dei soggetti colpiti.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Così per Stella e Will la malattia diventa un ostacolo apparentemente insormontabile per coltivare quell’attrazione reciproca che provano sin dal loro primo incontro: come tutti i malati di fibrosi cistica, non possono avere contatto fisico in quanto l’eventuale trasmissione di agenti patogeni potrebbe diventare letale. Non possono toccarsi, prendersi per mano né baciarsi. Devono rimanere costantemente a una distanza di sicurezza l’uno dall’altra, come suggerisce il titolo del film. Nonostante ciò, il loro amore cresce di pari passo alle avversità e la forza che i due giovani ne traggono permetterà loro di sentirsi vivi, trovando il coraggio di continuare a lottare contro una malattia che non lascia molte speranze se non si arriva a un trapianto di polmoni.

Raccontata così, la trama parrebbe una delle tante pellicole d’amore: invece il film di Baldoni, destinato soprattutto a un pubblico giovane, è serio e per nulla convenzionale, capace di trasmettere allo spettatore emozioni vere, portandolo a ragionare su come un sentimento forte come quello che nasce e si consolida fra Stella e Will possa manifestarsi anche in condizioni estreme come quelle in cui i due ragazzi si trovano, laddove ci si aspetta di doversi confrontare sempre e solo con la malattia e con la morte.

Haley Lu Richardson, che interpreta Stella, e Cole Spruse, che dà volto e corpo a Will, sono calati nella parte e riescono a rendere bene l’atmosfera di dolore e speranza che si respira nell’ospedale, grazie anche alla sceneggiatura di Mikki Daughtry e Tobias Iaconis. Richardson e Spruse, quest’ultimo volto noto ai teenager avendo interpretato la serie tv di successo Riverdale, sono bravissimi nel dare vita a due adolescenti che, al di là delle loro reciproche sfortune, sono esattamente come tutti i ragazzi della loro età, con l’immensa voglia di dare libero sfogo ai sentimenti e alle emozioni tanto da riuscire a superare le barriere fisiche imposte dalla malattia.

Libro e film, la cui uscita in sala è prevista per il 21 febbraio, sono dedicati a tutti i pazienti, alle famiglie e alle equipe mediche che ogni giorno combattono contro questa malattia e rappresenteranno di sicuro un valido aiuto per comprendere cosa significhi dover convivere con tale malattia e che, con la forza della volontà, è possibile non lasciarsi sconfiggere da essa.

Libro e film, la cui uscita in sala è prevista per il 21 febbraio, sono dedicati a tutti i pazienti, alle famiglie e alle equipe mediche che ogni giorno combattono contro la fibrosi cistica.

di Marcello Perucca
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo