Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

La conseguenza Recensione


La conseguenza Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Rachel Morgan (Keira Knightley) arriva tra le rovine di Amburgo nell'inverno del 1946 per ricongiungersi con il marito Lewis (Jason Clarke), colonnello britannico incaricato di ricostruire la città distrutta. I due andranno a vivere in una grande casa appartenuta all'architetto tedesco Stephan Lubert (Alexander Skarsgård), al quale è stata espropiata dopo la guerra perché di nazionalità tedesca.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Ma Lewis, vista la povertà dilagante e la crisi, decide di non buttare fuori di casa Stephan e sua figlia dando vita a una convivenza che metterà Rachel a dura prova.

Adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo del 2015 di Rhidian Book, co-sceneggiatore del film, La conseguenza è una pellicola intensa che permette, attraverso il triangolo di Rachel, Lewis e Stephan, di raccontare il difficile dopoguerra tedesco, i superstiti nazisti e la paura del nemico. E, in effetti, estranei e nemici in questo film entrano molto più che in contatto: quella raccontata è un’intimità che ha a che fare con la casa, la quotidianità. Il dolore unisce i protagonisti come una lingua universale, l'amore e la passione sono la sola cura.

Le tematiche affrontate sono attualissime, adesso come nel 1946: la paura del diverso, dello sconosciuto, il riconoscimento della colpa di una nazione e di conseguenza il razzismo verso un popolo intero. Ma anche la nascita del gruppo degli 88, militanti nazisti che cercarono di portare avanti la voce del partito anche dopo la disfatta di Hitler: per lo più erano ragazzini stanchi della guerra e della povertà (sopravvivevano con 900 calorie al giorno!), che vedevano negli alleati il nemico e che volevano combattere tramite attacchi, che oggi chiameremmo terroristici, come bombe e agguati ai militari inglesi. L’abilità di James Kent sta nel far capire allo spettatore che non tutti i tedeschi erano nazisti, distinguendo tra gente comune e militanti.

Un melò solido e credibile, grazie anche alle interpretazioni dei protagonisti.

Gli effetti della post-guerra sulla nazione tedesca fanno da contorno a un melò solido e credibile, grazie anche alle interpretazioni dei protagonisti.

di Samantha Ruboni
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo