Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il cinema orientale va compreso entro una serie di rimandi e collocazioni che prendono vita nel momento in cui inizia la visione: ci si incomincia a chiedere dove voglia portarci il regista, fino a che punto intenda spingersi. Così il tempo diviene un artificio al servizio della Settima Arte e plasma accadimenti e istanti, per dar vita a un connubio di intenzioni e suggestioni.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Proprio da questa convinzione parte I figli del Fiume Giallo, che potremo definire un noir avanguardista: la sua modernità si cela dietro l’ambizione di voler ripescare il passato e guardarlo sotto un’altra veste, parafrasando una differente parabola storica, possibile solamente se coesiste arguzia e solerzia. Binomio accessibile e accettabile in una vicenda che si svolge all’inizio degli anni Duemila e attraversa questo primo ventennio della nuova era.

Jia Zanghke vuole farci entrare nelle metamorfosi della mentalità cinese – e in parte giapponese – educata alle esigenze di potere. Qiao e Bin, protagonisti della vicenda, gestiscono una bisca finchè un agguato non attenta alla vita di Bin. Qiao spara e viene arrestata. All’uscita di prigione, dopo cinque anni, Bin ha cambiato vita e non vuole più vederla. Così comincia un excursus che il regista compie nei luoghi simbolo del suo repertorio cinematografico, facendo emergere alcuni lati oscuri della Cina e poco dibattuti dalle cronache.

Abbiamo degli esseri spietati che divengono collante di una cattiveria gratuita e una crudezza inaspettata.

I figli del Fiume Giallo scompone l’equazione consolidata della fratellanza e dell’attaccamento dei protagonisti alle proprie radici: il concetto di territorialità è separato in maniera indissolubile da quello dell’anima, quindi ogni personaggio fa i conti prima con le proprie esigenze e poi, forse, le coniuga all’interno di una collettività.

Abbiamo, quindi, degli esseri spietati che divengono collante di una cattiveria gratuita e una crudezza inaspettata. Ci si immerge a piene mani nella scelleratezza umana e nell’impulsività, cifra stilistica che viaggia in lungo e in largo su un asse temporale di 17 anni. Si guarda all’antico, dunque, ma con gli occhi del futuro.

Il domani, in Cina, così come in tutto l’Oriente, non è roseo e forse l’intento di Jia Zanghke è proprio quello di scuotere le coscienze attraverso l’artificio e la pantomima: è tempo di fare i conti con una nuova forma di consapevolezza. La società e la cultura stanno cambiando e la Cina fa da apripista persino nelle vicende più efferate. “Gli occhi della tigre” e “L’anima del dragone” non sono semplici perifrasi ma veri e propri capisaldi da cui ripartire, piegati a nuove esigenze con vizi e virtù.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
01 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo