Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

L'ultima notte Recensione


L'ultima notte Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il nuovo lungometraggio di Francesco Barozzi, che segue Tempo vivo tempo morto del 2014, è un thriller a fosche tinte che racconta di come la famiglia possa essere teatro di orrori e una trappola mortale. Il regista modenese ama guardarsi attorno, interpretare la realtà sociale e familiare che ci circonda, parlare di grandi temi attraverso i piccoli segnali che il destino o il caso ci lasciano intravedere.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Da un trafiletto di giornale passato quasi inosservato, il regista ha preso un fatto di cronaca reale, avvenuto nella provincia di Modena, per restituirlo alla vita e allo sguardo pubblico, spesso assente o distratto. Di fronte ai corpi senza vita la domanda rituale è spesso: come è potuto accadere? L'Ultima Notte risponde alle domande, colmando con la fantasia i dubbi irrisolti e donando una profonda umanità a ogni personaggio - carnefice o vittima - fino a che i contorni fra un ruolo e l'altro sono sempre meno definiti.

Bea (Beatrice Schiros), dopo la fine dell'amore con la sua compagna e la perdita del lavoro, decide di ritornare nel vecchio casolare di famiglia, dal quale si era allontanata molti anni prima, lasciando due fratelli, un padre violento e situazioni amare. Convinta che i decenni trascorsi, le esperienze e la maturità rendano tutto diverso e rimediabile, si ritroverà invece di fronte a un passato che non è mai morto.

Grazie alla bella fotografia di Nicola Xella, livida, grigia, appannata, la casa si trasforma in un luogo degno dei peggiori incubi. Il cast è di prim'ordine, dalla protagonista Bea, affiancata alla sottomessa e mai cresciuta Emi (Francesca Turrini) e al fratello Franco, Giuseppe Sepe, che nel film dà prova di rara bravura con una recitazione emotivamente trattenuta che lascia intravedere umanità solo a sprazzi.
Animali impagliati e vermi che sbucano dappertutto simboleggiano la putrescenza malvagia di alcune situazioni abbandonate, nell'indifferenza della collettività: la morte di qualsiasi speranza di rigenerazione. L'Ultima Notte è un film intenso, calibrato, dietro il quale si percepisce un grande e difficile lavoro, rispettoso della verità e dell'unica persona sopravvissuta alla reale strage da cui la vicenda è tratta, accaduta solo pochi anni prima.

Un film intenso, calibrato, dietro il quale si percepisce un grande e difficile lavoro, rispettoso della verità.

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo