Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Fiore gemello Recensione


Fiore gemello Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Una Sardegna bellissima, selvaggia, deserta, che ricorda la Virginia degli anni '30 in piena depressione del film La Morte Corre sul Fiume di Charles Laughton, fa da sfondo alla vicenda raccontata in Fiore Gemello dalla regista Laura Luchetti. Proprio come nel capolavoro - nonché unico film - di Laughton, i protagonisti sono due innocenti, che si muovono, del tutto abbandonati e soli al mondo, in luoghi carichi di meraviglie e terrori.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Sono braccati da un uomo malvagio, dalla fisicità eroticamente brutale, che non è Robert Michum ma l’attore Aniello Arena. Gli adolescenti protagonisti sono Anna (Anastasyia Bogach), figlia di un trafficante di migranti, e Basim (Kallil Kone) immigrato clandestino senza documenti che viene dalla Costa d’Avorio. Entrambi fuggono da un passato doloroso: sono agnelli in mezzo ai lupi, che tendono loro le mani non si sa mai se per accogliere o per sbranare. Il loro incontro, che genera un sentimento di tenerezza e desiderio di aiuto reciproco, è l’unione di due fiori gemelli: creature diverse solo in superficie, ma in realtà provenienti dallo stesso stelo. Una rarità, qualcosa di delicato e degno di essere protetto.

Laura Luchetti racconta con la poesia delle immagini, senza tante parole, il dramma dell’immigrazione, ma soprattutto la solitudine e l'abbandono di due indifesi in un far west senza legge, nel quale vince solo il più forte. Le distanze geografiche e anagrafiche si azzerano, gli stereotipi e i pregiudizi svaniscono nella landa senza tempo e senza luogo di questa fiaba nera, che usa un linguaggio profondo e spesso simbolico.

Luchetti racconta con la poesia delle immagini, senza tante parole, il dramma dell’immigrazione, ma soprattutto la solitudine e l'abbandono di due indifesi in un far west senza legge

La fotografia di Ferran Paredes Rubio gioca con l’alternarsi luce-buio, con i risvegli e i sogni dei ragazzi, in un vero e proprio respiro che dà ritmo al film. La bravura dei protagonisti, incluso l’anziano fioraio interpretato da un eccezionale Giorgio Colangeli, i paesaggi strepitosi e stranianti, come le montagne di sale sulle quali giocano Basim ed Anna, i grandi silenzi e i primi piani sugli sguardi degli attori contribuiscono a rendere Fiore Gemello un film evocativo, che dice tutto senza bisogno di retorica. Acclamato con successo nei festival internazionali, Fiore Gemello in Italia è stato accolto riduttivamente come un film che parla dell’amore fra un immigrato e una ragazza italiana: per vedere come stanno realmente le cose, forse, è necessario allontanarsi e allargare lo sguardo.

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
40 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo