Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Wasp Network Recensione


Wasp Network Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Alla Mostra del Cinema di Venezia arriva il giorno di Olivier Assayas, che porta in concorso Wasp Network, un racconto del controspionaggio cubano negli anni '90, tra L'Avana e Miami. Il film è la trasposizione cinematografica del libro Los últimos soldados de la guerra fría del giornalista ed ex politico brasiliano Fernando Morais: al centro della storia c’è la vicenda di Gerardo Hernandez, Ramon Labañino, Antonio Guerrero, René Gonzalez e Fernando Gonzalez, i cinque combattenti antiterroristi cubani condannati negli USA.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

La trama si trova sui libri di storia: è la fine degli anni Novanta e cinque spie cubane tentano di infiltrarsi negli USA, nel momento di apice della tensione attorno alla figura di Fidel Castro, ma finiscono imprigionate nel 1998 per spionaggio, omicidio e per altre accuse mai del tutto provate. Solo nel 2014, grazie all'intervento di Barack Obama, gli ultimi tre ancora in carcere hanno potuto fare ritorno a Cuba.

Non è la prima volta che Olivier Assayas si cimenta con fatti realmente accaduti: con Carlos, miniserie del 2010, vincitrice di un Golden Globe, aveva sapientemente affrontato tematiche legate al controspionaggio e del terrorismo, e – come a segnare un ritorno al genere - aveva già scelto Édgar Ramírez, protagonista anche di Wasp Network. Oltre a Ramìrez in questo lavoro il regista porta al Lido un cast stellare che include Penélope Cruz, Gael Garcia Bernal e Wagner Moura. Come sempre, ci dimostra la sua capacità di dividere il pubblico. A un solo anno di distanza da Doubles Vies, in concorso a Venezia 75, il regista cambia totalmente tematica e decide di portare sullo schermo i rapporti tra Cuba e America, in questo racconto del “traffico” di spie messo in piedi per smantellare l'organizzazione terroristica di matrice anticastrista installata negli Stati Uniti e artefice di numerosi attentati all’Avana. Assayas mette in scena con assoluta modernità stilistica gli eventi, e lo fa con un registro malinconico e uno sguardo delicato, per molti versi anche intimo, quasi a volersi concentrare sui particolari privati di quelle vicende che meritano di essere osservate in punta di piedi rispetto ai roboanti eventi finiti sulle pagine dei giornali.

Wasp Network è il classico film sulle stragi terroristiche e, come tale, ne riproduce fedelmente i meccanismi di genere. All’interno c’è un po' di tutto: le donne ferite e abbandonate dai propri mariti, le menzogne, i cambi di fronte, la solitudine, la ricchezza e il senso di non essere artefici del proprio destino ma di aver consegnato la propria vita, a prescindere dalle scelte di campo, a un ideale superiore.

Un’opera che scorre piacevole e senza intoppi, ma non ha guizzi che a renderlo indimenticabile.

Ciò che invece è davvero interessante è il punto di vista, che si sposta però dalla strada, dagli scontri, e si colloca nella quotidianità delle vite familiari. Mostrandoci mogli tradite o complici, abusate o ferite, abbandonate o umiliate, Assayas fa una bellissima scelta di campo. E, pur non abbandonando i passaggi del cinema di genere legati al momento dell’arruolamento, all’adesione alla causa, alle vere e proprie attività di spionaggio, il film ha il suo centro nevralgico tra le mura domestiche e ci porta nella vita più intima questi uomini che diventano spie.

In questo gioco delle coppie Wasp Network, si alleggerisce della retorica, della grammatica di guerra, delle polverose uniformi ideologiche e ci parla in un linguaggio familiare e confidenziale di uomini alle prese con delle scelte e delle conseguenze delle stesse su quello che avevano di più caro, delineando in maniera interessante anche la costruzione psicologica di ciascun protagonista. Un’opera che scorre piacevole e senza intoppi, ma non ha guizzi che a renderlo indimenticabile.

Come se scegliere di utilizzare un tocco più delicato ma non intenso, spegnesse la forza e passione che la tematica meritava, rendendo il film un po' debole rispetto ad altri lavori del regista.

di Valentina Pettinato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo