Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Manta Ray Recensione


Manta Ray Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il primo lungometraggio del regista tailandese Phuttiphong Aroonpheng è un lavoro dalle atmosfere intensamente oniriche e dalle immagini evocative, che si imprimono nella mente dello spettatore come un sogno, oppure un incubo. I ritmi lenti, e a volte esasperatamente ripetitivi, ne fanno un film un po’ difficile da apprezzare dal punto di vista narrativo, ma che si fa ricordare per la bellezza delle immagini, in particolare quelle notturne e soprattutto per la delicata importanza del tema trattato.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Infatti Manta Ray narra come migliaia di rifugiati Rohingya siano costretti ogni anno ad abbandonare la Birmania – ufficialmente Repubblica dell’Unione del Myanmar – perché perseguitati e quindi si avventurino per mare spesso trovando la morte. I cadaveri annegati dei Rohingya vengono ritrovati lungo le coste delle foreste thailandesi.

Chi sono precisamente i Rohingya? Un gruppo etnico, di religione islamica, che parla il rohingya, una lingua indoeuropea e che vive nella parte settentrionale della Birmania, nello stato di Rakhine al confine con il Bangladesh. Per la legge sulla cittadinanza della Birmania, risalente al 1982, i Rohingya non fanno parte delle 135 etnie riconosciute dallo stato e non hanno pertanto diritto alla cittadinanza. Secondo i rapporti delle Nazioni Unite essi sono una delle minoranze più perseguitate nel mondo. Molti Rohingya sono stati relegati in ghetti o sono fuggiti in campi profughi in Bangladesh e sulla zona di confine tra Thailandia e Birmania. Il regista afferma di aver voluto raccontare il loro dramma affinchè queste morti innocenti non vengano dimenticate e la loro voce non resti inascoltata, e ciò avviene in senso letterale.

Chi sono precisamente i Rohingya? Un gruppo etnico, di religione islamica, che parla il rohingya, una lingua indoeuropea e che vive nella parte settentrionale della Birmania, nello stato di Rakhine al confine con il Bangladesh.

Infatti in una delle scene principali del film, si odono molte voci angosciose nella foresta. Si tratta delle voci dei Rohingya registrate dallo stesso PhuttiphongAroonpheng.

La storia narra di un pescatore thailandese (Wanlop Rungkamjad), dai capelli tinti di biondo, che vive in solitudine e semplicità, da poco abbandonato dalla moglie, fuggita con un altro. Durante una esplorazione notturna nella foresta, alla ricerca di pietre preziose – che poi saranno misteriosamente gettate in acqua per attrarre le mante – il pescatore si imbatte in un uomo gravemente ferito, semisepolto nella foresta e decide di prendersene cura. Poiché l’uomo misterioso non parla (probabilmente non comprende quella lingua) verrà chiamato col nome di una pop star thailandese, Thongchai.

Si instaura un forte legame tra i due, quasi simbiotico, di riconoscenza ed affetto, fino a che il pescatore non scompare e viene dato per morto. Di lì a poco ritorna la moglie del pescatore, cacciata dal suo amante, e allaccia un rapporto con Thongchai. La strage etnica dei Rohingya non si evince facilmente dalla storia, che sceglie di parlare attraverso simboli e immagini ripetitive ed ipnotiche. Il tema affrontato dal film è principalmente quello dell’identità, intesa come io, ma anche confine, etnia e nazionalità, oltre la storia e i pregiudizi. Molto belle le canzoni interpretate dalla protagonista femminile (Rasmee Wayran), che è in realtà una famosa cantautrice della Thailandia del Nord.

di Emanuela Di Matteo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo