Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Odio l'estate Recensione


Odio l'estate Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Quattro anni, una pausa forzata e tante riflessioni: ritroviamo così Aldo, Giovanni e Giacomo agli inizi del 2020, nuovamente in sala dopo quel Fuga da Reuma Park che aveva lasciato un po’ tutti interdetti. Il trio ha ancora la sua vis comica? La domanda a mezza bocca se la sono posta sia gli spettatori sia gli addetti ai lavori.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

E siccome questo scetticismo è trapelato ampiamente, i tre colleghi e amici hanno detto basta. Al punto che qualcuno ha anche pensato si fossero sciolti. Ma, al contrario, come nelle più belle storie d’amore, è solo arrivata la crisi di mezza età. Loro, sapientemente, hanno deciso di mettere un punto. Ciascuno in questo quadriennio si è dedicato a progetti singoli, per poi tornare ancora una volta a lavorare in gruppo per recuperare quei valori e – per fortuna – quella voglia che pareva essersi persa. Odio l’estate sancisce anche il ritorno di un altro celebre sodalizio, quello fra il triumvirato per antonomasia della comicità italiana contemporanea e Massimo Venier che, in veste di regista e co-sceneggiatore, attualizza il repertorio classico di Aldo, Giovanni e Giacomo. Viene cucito addosso ai tre comici un abito perfetto che valorizza i cambiamenti, le doti e il carisma di ciascuno al servizio di vicende e annose questioni che riguardano persino l’attualità più stringente.

Odio l’estate non segna soltanto il ritorno al cinema di Aldo, Giovanni e Giacomo ma scandisce, senza esitazione, la riproposizione di un tipo di commedia favolistica che si era smarrito.



Che succede se tre persone completamente diverse, con rispettive famiglie al seguito, per una straordinaria casualità, prenotano la stessa casa vacanze? Questo soggiorno forzato metterà in luce caratteri e scelte di vita diversi, che portano a comporre il mosaico imprevedibile della quotidianità con i suoi alti e bassi. Mantenendo la giusta ironia e disillusione.

Odio l’estate cattura ogni elemento familiare al repertorio di Aldo, Giovanni e Giacomo: il viaggio, gli sketch esilaranti, la componente musicale - che diventa protagonista aggiunta a tratteggiare gli stati d’animo dei singoli interpreti (prezioso e imprescindibile il contributo di Brunori Sas) - e qualche richiamo al passato. Doveroso l’omaggio a Tre uomini e una gamba, con la scena della partita di pallone in spiaggia, riveduta e corretta ai primi vent’anni del Duemila.

Insomma, per Aldo, Giovanni e Giacomo il tempo non si è fermato: anzi, hanno saputo – con l’aiuto di un regista e di sceneggiatori all’altezza – riadattare le “frecce” a disposizione del proprio arco. Tanti sono i temi toccati con il solito savoir faire – citando Giovanni Storti: il rapporto con i figli, la caducità della vita, l’importanza eccessiva che viene attribuita alla carriera nella società contemporanea. Odio l’estate non è un ritratto dell’età adulta, a confronto con la gioventù: è una sorta di indagine sociale, in grado di toccare con garbo – fra il serio e il faceto – le corde più sensibili dell’animo umano.

Accanto a tre protagonisti – e qui ricorre un altro elemento – tre donne egualmente capaci e preparate: Maria Di Biase, Carlotta Natoli e Lucia Mascino, che hanno il ruolo di armonizzatrici nel caos creativo dei rispettivi uomini. Sono lo specchio - e il punto di vista femminile - di timori, ansie, vizi e virtù riproposte disordinatamente dai coniugi, troppo impegnati a disfare le proprie certezze con azioni e reazioni talvolta discutibili. Odio l’estate non segna soltanto il ritorno al cinema di Aldo, Giovanni e Giacomo ma scandisce, senza esitazione, la riproposizione di un tipo di commedia favolistica che si era smarrito. Così come, forse, la capacità di sorprendere grazie alla semplicità delle emozioni.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo