Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Fred McFeely Rogers, conosciuto anche semplicemente come Mister Rogers, è un nome che non dirà nulla ai più. Pastore protestante e personaggio di spicco della televisione statunitense, conduttore di show per bambini a cavallo tra anni Sessanta e Novanta, sembra la versione in carne e ossa di Ned Flanders.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Scarpe da ginnastica e maglione rosso rigorosamente homemade (uno è conservato al Museo della Storia Americana dello Smithsonian Institution, per darvi la caratura dell’importanza del personaggio); calmo, pacato, estremamente gentile con tutti, mai una parola fuori posto. Mister Rogers parla ad adulti e (soprattutto) bambini grazie al suo programma tv pomeridiano Mister Rogers' Neighborhood. Uno show destinato proprio ai più piccoli, nel quale Mister Rogers affronta, puntata dopo puntata, tempi importanti e ostici come la morte, l’amore, il dolore e la malattia. E lo fa sempre con quel suo tono misurato per cui “non c’è nulla da preoccuparsi”.

In Un amico straordinario (traduzione del più evocativo A Beautiful Day in the Neighborhood) Mister Rogers è magistralmente interpretato da Tom Hanks (che grazie a questo ruolo colleziona la sesta candidatura agli Oscar della sua carriera). Ma la storia non ruota attorno a lui, bensì a un giornalista di Esquire, Lloyd Vogel, preceduto dalla sua fama. Vogel, infatti, è noto nell’ambiente per “distruggere” i suoi intervistati, riversando su di loro tutta la rabbia repressa che gli ribolle dentro; è un burbero, cinico e con grossi problemi irrisolti; non riesce a concentrarsi sulla sua famiglia (da poco diventato padre, è terrorizzato dalle responsabilità che lo attendono) e reagisce alle situazioni troppo bruscamente e troppo d’impulso.

Esattamente come in una puntata di Mister Roger’s Neighborhood, il film introduce a piccole dosi temi e traumi del passato del protagonista (uno su tutti è il bellicoso rapporto con il padre) per poi iniziare a indagarli, scavarli, capirli e infine risolverli.

La narrazione del film è quasi spielberghiana - sia nel linguaggio, sia nei temi - e la sensazione è amplificata dalla presenza di Tom Hanks.

Una seduta di terapia lunga due ore, dove il terapista è proprio Mister Rogers. Lui, il solo personaggio pubblico ad aver accettato di essere intervistato da Lloyd Vogel, rovescia la situazione e inizia a fargli domande. Con parole sempre comprensive e ragionamenti elementari. Semplici e potenti nella loro immediatezza, al punto che persino un bambino riuscirebbe a comprenderli al volo.

Da questo punto di vista la narrazione del film è quasi spielberghiana - sia nel linguaggio, sia nei temi (la figura paterna è un must della filmografia del regista di Cincinnati) - e la sensazione amplificata dalla presenza di un attore feticcio come Tom Hanks. Invece a dirigere c'è la Marielle Heller, che dimostra di riuscire ad adattare un registro diverso e variegato a seconda delle sequenze. Un film che è allo stesso tempo semplice e complesso, che riesce ad affrontare con naturalezza temi complicati come il rapporto padre-figlio o il concetto di amicizia. Senza mai diventare pesante ma, anzi, riuscendo a rimanere fresco e leggero per tutta la sua durata.

di Marco Filipazzi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo