Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Lillian Recensione


Lillian Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Nel 1926 una donna di nome Lillian Alling, immigrata dall’Europa a New York, sopraffatta dalla nostalgia di casa e senza un soldo, attraversò in solitaria gli Stati Uniti e l’Alaska per tornarsene a casa in Russia; i contorni incerti della vicenda contribuirono a trasformarla in una sorta di figura mitologica, figura che il film Lillian di Andreas Horvath omaggia e consacra definitivamente. Lasciatasi alle spalle una Manhattan apocalittica, Lillian intraprende il suo viaggio nel nord degli USA portando con sé nient’altro che un barattolo gigante pieno di patatine.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 5.0/5
Voto utenti: 3/5

Attraversando un paesaggio che sembra uscito dalle fotografie di William Eggleston, dove i rari incontri sono con figure che hanno lo stesso rilievo di un cartellone pubblicitario, del relitto di un bus o di una bambola abbandonata, Lillian inizia a sembrare sempre di più una specie di donna caduta sulla Terra in mezzo a una umanità distante ed estranea. Il tizio che la insegue in mezzo al campo di grano o il poliziotto che la riporta indietro, i turisti nel canyon o i nativi americani nella prateria, la donna che la fissa nel negozio di vestiti usati o quella che le offre di che rifocillarsi: tutti personaggi iperreali e alieni che, in un paradossale ribaltamento di ruoli, finiscono per rendere quello di Lillian verosimile e familiare.

Raccattando lungo il cammino una nuova mappa, vestiti più pesanti e avanzi di cibo, la protagonista sembra guidata da una sorta di forza misteriosa che le permette di vivere quasi con nulla, sempre più in simbiosi con il regno animale e con le forze della natura, che crescono man mano che scompaiono le tracce dell’uomo. Insieme a Lillian, la natura e gli animali sono infatti i protagonisti di questa specie di documentario fantastico: dalle riprese aeree sulle zone desertiche si passa a quelle sui ghiacciai in Alaska, da una mosca posatasi sulla mappa a una balena fatta a pezzi sulla riva.

Eccettuato il breve dialogo iniziale (con un uomo che le propone di lavorare nella pornografia per ottenere il visto), Lillian resterà sempre in silenzio, fino all’epico finale in cui, guardando l’aurora boreale, si trasformerà (forse) in una balena. Il silenzio è una delle cifre stilistiche di questo film che, utilizzando solo pochi elementi sonori, catalizza l’attenzione sul personaggio: in sottofondo solo i rumori della natura e la musica drammatica (alla cui composizione ha contribuito il regista stesso); le rare voci umane sono invece mediate da una radio, un altoparlante, una ricetrasmittente della polizia. Cresce così l’impressione di isolamento ed estraneità. Partita sola, Lillian compierà un viaggio di progressivo allontanamento da tutti e tutto che finirà per assumere proporzioni sovrannaturali. Capolavoro nel capolavoro, le ultime scene in mare con la caccia alla balena, allusione a Moby Dick e alle ascendenze bibliche presenti anche in questo film gigantesco.

Al suo primo lungometraggio, Andreas Horvath realizza un’opera visivamente impressionante, affine per poetica e stile a Wim Wenders e David Lynch (in particolare Il segreti di Twin Peaks e The straight story) con protagonista assoluta l’attrice semiprofessionista Patrycja Planik, che non recita ma vive sulla sua pelle un film soverchiante e indimenticabile.

Capolavoro nel capolavoro, le ultime scene in mare con la caccia alla balena, allusione a Moby Dick e alle ascendenze bibliche presenti nel film.

Per lei ma anche per noi.

di Cristiano Salmaso
Sei d'accordo con questa recensione?
No
60 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo