Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Può salvarci, talvolta, solo un pizzico d’ironia. Carlo Verdone ne è fermamente convinto e prova a dimostrarlo nel suo nuovo film da regista e sceneggiatore.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Si vive una volta sola è una commedia corale in cui Verdone interpreta un primario di chirurgia che stringe uno stretto rapporto, privato e professionale, con tre suoi colleghi. Inseparabili e sempre in vena di scherzi, anche piuttosto pesanti. Le carte in tavola cambiano quando Amedeo, il più mite e fragile del gruppo, si ammala. Gli viene diagnosticato un male incurabile: riusciranno gli amici di una vita a dirgli come stanno le cose? Dovranno farlo nell’arco di una vacanza in Puglia, cinque giorni di divertimento e malinconia.

Verdone riparte da quello che sa fare meglio, intrattenere ma anche fare riflettere. La sua nuova commedia prende le mosse dal cinema Pietro Germi e Mario Monicelli: innumerevoli sono i rimandi a un certo umorismo dissacrante che fa dello sberleffo un valore aggiunto, misto al cinismo e alla freddezza delle assurdità a cui la vita, spesso, ci sottopone. Verdone mette ognuno dinnanzi alla verità ineluttabile del fine vita, per spingerlo a riflettere su quanto avrebbe ancora potuto fare di meglio e in che modo.

Può salvarci, talvolta, solo un pizzico d’ironia.

La malattia di uno dei personaggi cardine dà adito a una serie di equivoci che prendono corpo malgrado la trama scontata.

Si rasenta il black humour, dove Max Tortora si rivela maestro: spicca la sua abilità nel muoversi sul filo dell’ironia e della satira, lasciandosi andare anche a commenti profondi che consentono la giusta alternanza fra registri differenti. Proprio questo caleidoscopio di emozioni fa sì che il quartetto appaia ben amalgamato, al netto di una sceneggiatura piuttosto semplice e classica: gli espedienti sono visti e rivisti, anche perché frutto della penna – celebre – di Giovanni Veronesi, che strizza l’occhio al primo Francesco Nuti senza scimmiottarlo eccessivamente.

Si vive una volta sola adatta ai tempi moderni la morale verdoniana.

Un sorriso beffardo che sa aprire la mente, che si interroga sul valore effettivo della nostra esistenza. Per cosa veniamo al mondo? Probabilmente per lasciare traccia del nostro passaggio. Verdone dà nuova linfa ai valori di quel cinema che l’hanno reso celebre, con l’auspicio di aggiungere un tassello in più verso la comprensione del mondo contemporaneo.

di Andrea Desideri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo