Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Justice league Recensione stagione 1


Justice league Recensione stagione 1

Recensione SIlenzio in sala
Recensioni utenti

La nascita della JLA
Nel 1940 all'editor della DC Comics Sheldon Mayer e allo sceneggiatore Gardner Fox venne un'idea: formare il primo gruppo di supereroi della storia. Sotto il nome di Justice Society of America, poi editata da Fox vent'anni dopo in Justice League of America, Superman, Batman, Aquaman, Flash, Lanterna Verde, Martian Manhunter e Wonder Woman fronteggiavano nuove minacce interplanetarie albo dopo albo, raggiungendo immediatamente il successo popolare. Imparata la lezione dai rivali, Marvel Comics nel 2012 traduce l'idea per il grande schermo con The Avengers mentre i dirigenti di Warner Bros. e Dc Comics studiano ancora nuove politiche per rilanciare il loro gruppo di supereroi al cinema.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3.0/5

Squadra che vince non si cambia
In campo animato la compagnia americana ha sempre avuto pochissimi dubbi sul nome da caricare di responsabilità: nel 2001 affida al disegnatore/animatore Bruce Timm – al quale Batman e Superman devono molto – la produzione della serie animata della Justice League, a seguito dell'incredibile consenso riscosso dai lettori del nuovo corso della JLA (1997) scritto da Grant Morrison su disegni di Howard Porter. I personaggi di Kyle Rayner e Aquaman vengono sostituiti da John Stewart e da Hawkgirl, l'atmosfera futuristica viene ripresa da Batman Beyond e le storie si inchinano alla tradizione fumettistica. Il risultato è una serie ambiziosa, imperfetta, ricca di trovate interessanti e con dei personaggi che reggono il peso bizzarro e fantascientifico delle storie.

Se le serie individuali di Superman e Batman riuscivano a comporre un mosaico ricco di sfaccettature introspettive abbinate a grandiosi momenti d'azione, qui l'equilibrio si perde a favore dell'aspetto ludico.

Una serie avvincente per i più giovani
Dato per scontato l'entusiasmo di produttori e disegnatori nel trattare un gruppo di supereroi così eterogeneo, nella prima stagione la paura per il fallimento si nasconde dietro l'angolo: dopo l'avvincente introduzione dei personaggi in Secret Origins, le 12 storie – divise in 26 episodi – offrono uno spaccato sci-fi dell'epica americana, alternando picchi qualitativi eccellenti (se Legends è un riuscito omaggio alla Golden Age, The enemy below si rifà alle opere shakespeariane) a pericolose cadute di stile (si pensi al pessimo War world o al fantapolitico The Savage time, in cui l'immortale stratega prende il posto di Adolf Hitler durante la Seconda Guerra Mondiale). Ad ogni personaggio viene data l'opportunità di esprimersi attraverso un episodio in cui background e riflessioni restano inconfondibili (In blackest night e Fury). Ma se le serie individuali di Superman: La Serie Animata e Batman: La Serie Animata riuscivano a comporre un mosaico ricco di sfaccettature introspettive abbinate a grandiosi momenti d'azione, qui l'equilibrio si perde a favore dell'aspetto ludico. La sensazione è che gli autori abbiano preferito il mito della maschera all'individuo che la indossa, eccezion fatta per Injustice for all in cui la vulnerabilità di Batman viene messa a dura prova. Una soluzione mitigata dalla scelta molto saggia di spalmare quasi ogni storia su 2-3 episodi per garantire una messa in scena mai superficiale o sbrigativa. Dal punto di vista grafico i disegni appaiono rifiniti, le animazioni fluide (con qualche leggero problema di prospettiva) e i personaggi splendidi, con caratteristiche anatomiche e caratteriali rivisitate tenendo sempre a mente la tradizione fumettistica. In definitiva, la prima stagione della Justice League è rivolta a tutti, giovani e meno giovani: utilizza una scrittura semplice ed efficace nel fornire la giusta dose di dramma, intrattenimento e commedia (a Flash viene affidato il compito di sdrammatizzare ogni situazione), offrendo al contempo una varietà di storie avvincenti a tal punto che, al termine della visione, si avverte la voglia di passare alle successive.

Momenti cult

- Le origini degli eroi raccontati in "Secret Origins";
- "Legends" come riuscito omaggio alla Golden Age;
- Quando la vulnerabilità di Batman viene messa a dura prova in "Injustice for all in";
- "In blackest night" e "Fury" le riflessioni degli eroi restano inconfondibili.

di Vito Sugameli
Sei d'accordo con questa recensione?
No
10 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questa stagione.
Sii il primo.
DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo