Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

La doppia ora Recensione


La doppia ora Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Si incontrano ad uno speed date: Sonia è italo-slovena e fa la cameriera in un hotel, Guido è un ex-poliziotto torinese che fa il guardiano in una villa alle porte della città. Sembra un incontro casuale, tra due persone con un passato doloroso e desiderose di ritrovare un po’ di calore.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

In pochi giorni i due imparano a scoprirsi, ad aprirsi l’uno con l’altro, a sentirsi intimamente legati e coinvolti. All’improvviso la tragedia li coglie: Guido viene ucciso durante una rapina alla villa, dove ha portato Sonia in assenza del proprietario. Tutto comincia a sgretolarsi nel mondo di Sonia, la sua mente vacilla, il suo passato torna a tormentarla ed eventi inspiegabili girano vorticosamente intorno a lei, fino ad una profonda crisi di identità. Guido è veramente morto? Come si spiegano alcune coincidenze, alcuni fatti che non dovrebbero avvenire perché già vissuti? La realtà e le apparenze mischieranno le loro carte.

La doppia ora, opera prima di Giuseppe Capotondi, ha già conseguito un buon successo all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, vincendo il premio Arca Cinemagiovani, e conquistando la Coppa Volpi e il Premio Pasinetti per le interpretazioni dei due protagonisti. Ksenia Rappoport dà vita alla fragile ma determinata Sonia, forte di una fisicità adatta al ruolo e di un volto sofferto e profondo, che ben rispecchia le angosce e i tormenti di questa giovane donna fortemente in cerca di riscatto. Filippo Timi, attore ormai completo e versatile, interpreta con passione la figura di Guido, uomo buono e disilluso dalla vita, che saprà seguire la sua indole fino alla fine.

Il film prende spunto a piene mani da vari generi, primo tra tutti il mélo, intrecciando con convinzione noir, thriller e horror psicologico, altalenanti in una struttura narrativa originale, degna di competere con il cinema d’oltreoceano.

Tutto comincia a sgretolarsi nel mondo di Sonia, la sua mente vacilla, il suo passato torna a tormentarla ed eventi inspiegabili girano vorticosamente intorno a lei, fino ad una profonda crisi di identità

Sicuramente ambiziosa e insolita nel panorama italiano, questa pellicola ha il grande pregio di voler sfidare le convenzioni, e raccontare una semplice storia d’amore attraverso un meccanismo ben congegnato di suspense e colpi di scena, supportati da un montaggio sincopato e avvincente. Nonostante si succedano momenti di sbandamento e confusione fruitivi, sono proprio i continui capovolgimenti della trama a mantenere sempre viva l’attenzione dello spettatore, liberato dai grovigli diegetici solo nel finale. Questo permette di rendere credibile un genere, quello del thriller o dell’horror psicologico, che in altre produzioni italiane non aveva saputo imporsi in maniera convincente. Il rischio di perdersi dietro alla complessità della storia, viene evitata con la cura con cui montaggio e regia “incollano” insieme i vari generi esplorati dal film.

Capotondi ha grande esperienza come regista di video musicali e questo traspare nel film, la cui concatenazione segue un ritmo ben scandito proprio dalle doppie ore del titolo, legate agli eventi decisivi delle vite dei due protagonisti. Una pellicola che è una sorta di esperimento, e che in virtù delle arditezze della tecnica narrativa può entusiasmare, ma anche far storcere il naso a qualcuno.

di Angela De Angelis
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo