Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Io & Marilyn Recensione


Io & Marilyn Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Come al solito, a cadenza biennale, sotto l’albero di Natale ci attende il CinePieraccione. Il regista toscano si affida alla sua ormai stracollaudata squadra che vede l'amico Giovanni Veronesi collaborare alla sceneggiatura, mentre sul set recita con i compagni di mille avventure Massimo Ceccherini e Rocco Papaleo, oltre a Barbara Tabita e Francesco Guccini (Ti amo in tutte le lingue del mondo e Una moglie bellissima).

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Da I laureati in poi Pieraccioni è assoluta garanzia di successo: perché dunque cambiare? E allora il nostro non si fa pregare per riproporci la sua classica commedia in salsa toscana, leggera e mai volgare, con un protagonista in perenne crisi sentimentale. Stavolta però Leonardo sceglie una chiave di lettura sognante e surreale, scomodando addirittura il fantasma della più grande icona cinematografica femminile di ogni tempo: Marilyn Monroe.

Gualtiero (Leonardo Pieraccioni), manutentore di piscine, è ancora innamorato dell’ex moglie Ramona (Barbara Tabita), ora compagna del focoso domatore di circo Pasquale (Biagio Izzo), e non si rassegna nemmeno a vedere con il contagocce l’adorata figlia Martina (Marta Gastini). Incuriosito dai discorsi sulle sedute spiritiche della sua anziana vicina di casa, decide di farne una facendosi aiutare da suo cugino omosessuale Massimo (Massimo Ceccherini) e dal suo compagno Petronio (Luca Laurenti). Risultato: il fantasma della compianta Norma Jean Baker (Suzie Kennedy, sua sosia di mestiere) gli appare, visibile solo a lui. Dopo l’iniziale smarrimento e la visita forzata al commissario dei carabinieri (Francesco Pannofino), Gualtiero incontra dallo psicologo (Francesco Guccini) il folle Arnolfo (Rocco Papaleo) che lo convince della “realtà” della sua esperienza. Accettata la presenza di Marilyn, la “bomba bionda” aiuta Gualtiero a cercare di riprendersi la sua famiglia.

L’artificio scelto da Leonardo Pieraccioni fa balzare subito alla mente - come ha ricordato lo stesso regista in conferenza stampa - l’arcinoto Provaci ancora, Sam e il rapporto tra Woody Allen e Humphrey Bogart, o ancora il contemporaneo Il mio amico Eric di Ken Loach. Dopo un inizio francamente stucchevole simile a tante altre (scontate) commedie degli equivoci, il film sale di tono e diverte senza risultare esagerato o sguaiato, regalandoci anche un Pieraccioni diverso, più maturo; meno eterno innamorato e più padre.

Gualtiero (Leonardo Pieraccioni), manutentore di piscine, è ancora innamorato dell’ex moglie Ramona (Barbara Tabita), ora compagna del focoso domatore di circo Pasquale (Biagio Izzo), e non si rassegna nemmeno a vedere con il contagocce l’adorata figlia Martina (Marta Gastini)

Centrale nella vicenda, più che il ruolo di Marilyn o di Ramona, è quello della figlia Martina. Simpatici e accattivanti i personaggi: divertenti i duetti tra Ceccherini e il gelosissimo Luca Laurenti, sempre più sorprendente Francesco Pannofino, una sicurezza Papaleo. E ci guadagna decisamente il bravo Biagio Izzo dal passaggio dai cinepanettoni di Parenti e Vanzina a quelli del regista fiorentino. Per tutta la pellicola aleggia il personaggio della Monroe, vestita con l’Abito di Marilyn per eccellenza, quello bianco di Quando la moglie è in vacanza: una sorta di fata turchina svampita, una guida che permette a Gualtiero di liberarsi dalle sue paure.

Finale molto particolare, che non ci aspetterebbe da Pieraccioni e che forse non tutti coglieranno. Per chi, sotto Natale, vuole concedersi un’ora e mezza di divertimento spensierato, il classico appuntamento da non mancare.

di Marco D'Amato
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo