Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Il riccio Recensione


Il riccio Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Rue de Grenelle, numero due, Parigi. In un palazzo elegante, famiglie borghesi vivono le loro insoddisfazioni, con terapie New Age e antisiolitici nel cassetto.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Qui vive Paloma (Garance Le Guillermic), bambina di undici anni, brillante, critica e intelligente con l’unico obiettivo di suicidarsi il giorno del suo dodicesimo compleanno. E vive Renèe (Josiane Balasko), la portinaia. Sciatta, introversa e burbera, l’esatto stereotipo che la vuole teledipendente grassa e scorbutica, ma che nasconde, in realtà, un animo dedito alla poesia, alla letteratura e alla filosofia. Il giusto nascondiglio dagli sguardi annoiati e vacui dei residenti. Il mondo senza speranza in cui Paloma e Renèe si chiudono, verrà fatto vacillare dall’arrivo del signor Ozu (Togo Igawa), un misterioso e affascinate giapponese che le farà incontrare e saprà scovare il “riccio” che è in loro.

Opera prima della regista Mona Achache - tratto dal bestseller L’eleganza del riccio di Muriel Barbery - Il riccio è una pellicola chiusa in sé. Lo è il palazzo che si fa personaggio, un crocevia di esistenze che si sfiorano e non si accorgono dell’altro, che cela i suoi lati interiori, senza tempo, in perfetto stile Art Nuveau. Lo è Paloma, che a undici anni non riesce a comunicare se non attraverso la sua telecamera dalla quale scruta il mondo per concludere che si “passa una vita in una boccia - come un pesce - e si finisce in un sacco di plastica”.

Sciatta, introversa e burbera, l’esatto stereotipo che la vuole teledipendente grassa e scorbutica, ma che nasconde, in realtà, un animo dedito alla poesia, alla letteratura e alla filosofia

Ed anche Renèe, chiusa in un corpo imperscrutabile da un’esistenza dimenticata che si riscopre soltanto nel suo nido: una stanza piena di libri, al riparo dal mondo. Ogni particolare è studiato per rendere la giusta solitudine, per raccontare la miseria umana, fino a quando qualcuno che sa vedere oltre arriva a sovvertire l’immobilità delle vite di Rue de Granelle. Così l’occhio di Ozu, il nuovo inquilino, chiuso soltanto nel suo fascino, nella sua curiosità, smaschera Renèe e apre gli occhi a Paloma, regalando l’una all’altra e insegnando loro che la vita è più complessa e sorprendente di quello che chiunque possa immaginare.

Il riccio è strutturato come una favola moderna: i suoi personaggi e le loro vite oscillano tra la realtà e l’irreale; una sorta di Amelie Poulain, ma disincantata e cinica. Così i disegni di Paloma, che contano i giorni restanti, prima del suicidio, prendono vita in animazioni melanconiche ed evasive.

I costumi studiati sui personaggi e gli arredamenti come nido di chi li abita, sono le giuste vesti per un eccellente opera prima, tra il dolce e l’amaro.

di Emidio De Berardinis
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo