Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Agora Recensione


Agora Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Recuperando una vicenda perduta tra le pagine della storia, Alejandro Amenabar dirige un’ottima Rachel Weisz in Agora, un biopic intenso, che si fa anche portatore di un importante messaggio di tolleranza.

Sul finire del IV secolo d.C. Alessandria è ancora una città fiorente, a dispetto della rovina che sta calando sull’Impero Romano.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.0/5
Voto utenti: 3/5

Il faro e la nuova biblioteca sono i simboli dell’opulenza e della ricchezza culturale della città, dove Ipazia (Rachel Weisz), figlia di Teone (Michael Lonsdale), coltiva il suo amore per la scienza e la filosofia, che insegna con passione ai suoi discepoli. La situazione sociale è però prossima al collasso: la diffusione del Cristianesimo e il fervore con il quale i suoi seguaci lo difendono e lo diffondono, creano contrasti con i pagani, raggiungendo il vero e proprio scontro fisico. Le conseguenze di questa impossibilità di convivenza sono drammatiche: la biblioteca, simbolo del sapere antico viene devastata dopo che l’imperatore Teodosio sancisce la salvezza dei pagani a danno dei loro diritti sul luogo. Sullo sfondo delle vicende storiche si delinea il racconto della vita della filosofa e astronoma, che ha a cuore la sua scienza e l’armonia fra i suoi discepoli, considerati uguali a prescindere dal credo che professano. Intorno alla filosofa si muovono figure ricche di passione: tanto il fiero Oreste (Oscar Isaac), suo discepolo e futuro leader, quanto lo schiavo Davo (Max Minghella), curioso e intelligente, bramano invano il suo amore e si riveleranno figure essenziali allo svilupparsi della vicenda raccontata che, in seguito al progressivo rafforzarsi del potere cristiano in città, vedrà la vita stessa di Ipazia, in quanto donna, scienziata e pagana, minacciata dell’intransigenza fondamentalista del vescovo Cirillo.

Adottata come metafora della ragione e della pacatezza sacrificate sull’altare dell’esaltazione e del fondamentalismo, Ipazia è vittima della spietatezza di chi brama il potere e può controllare l’umore delle folle appellandosi alla religione. Nel proclamare la superiorità della nuova fede sui culti pagani e facendosene portavoce, il vescovo Cirillo non accetta infatti avversari e tanto meno voci discordi, a nulla serve la strenua difesa che la donna conduce nei riguardi dell’amore e del rispetto reciproco: solo la sottomissione e la rinuncia alla sua libertà sono le vie concessegli per salvare la propria vita. Seppure in certi passaggi il racconto abbia una messa in scena simile ad una fiction televisiva, e non manchino situazioni in cui si è portati a sorridere di come l’azione si svolga, il regista ha saputo montare un dramma intenso e coinvolgente, sulla base del quale vengono inseriti temi di grande importanza e attualità.

Il faro e la nuova biblioteca sono i simboli dell’opulenza e della ricchezza culturale della città, dove Ipazia ([Rachel Weisz]), figlia di Teone ([Michael Lonsdale]), coltiva il suo amore per la scienza e la filosofia, che insegna con passione ai suoi discepoli

Amenabar denuncia i mali dell’estremismo e racconta con coraggio l’ennesima grande figura (tanto più grande in quanto donna in un mondo di uomini), come Socrate, caduta vittima di una società ostile al libero pensiero, una persona che, come il Cristo (in nome del quale è perseguitata), paga il dazio della sua diversità.

di Roberto Semprebene
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo