Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Espiazione Recensione


Espiazione Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Dopo il grande classico Orgoglio e pregiudizio (Pride and prejudice), Joe Wright dirige per la seconda volta Keira Knightley in Espiazione, tratto dall’omonimo best seller di Ian McEwan. Il film (che ha aperto la 64ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia) ha ricevuto ben sette nomination agli Oscar 2008, vincendo la statuetta per la Migliore Colonna Sonora realizzata dal compositore italiano Dario Marianelli.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Nel cast anche una tredicenne Saoirse Ronan, nel ruolo di Briony Tallis, che ha raggiunto la notorietà interpretando la Susie Salmon in Amabili resti (The Lovely Bones) di Peter Jackson.

Nella calda estate del 1935 la giovane Briony, ragazzina dedita alla scrittura con la quale rifugge la noia della vita borghese, fraintende la relazione fra sua sorella Cecilia e il figlio della governante Robbie Turner (James McAvoy) del quale è segretamente innamorata. Convinta che il ragazzo abbia esercitato violenza sulla sorella e gelosa della loro relazione, Briony lo accuserà ingiustamente, segnando per sempre il destino futuro della coppia. Nel frattempo la guerra mondiale coinvolge e sconvolge i protagonisti della storia, e mentre Robbie si arruola per evitare il carcere, sia Cecilia che Briony intraprendono, in momenti diversi, la carriera di infermiera presso l’ospedale St. Thomas, venendo brutalmente a contatto con gli orrori bellici.

Il rumore dei tasti della macchina da scrivere di Briony ci accompagnano fin dall’inizio del film, forti, secchi e amplificati, come se le lettere battute fossero impresse nel cemento piuttosto che sulla carta. Pesanti come le conseguenze del gesto della loro autrice e della sua fervida fantasia, nella quale è talmente avviluppata da finire per travisare completamente la realtà. Così, un battibecco fra futuri amanti e un momento di passione si trasformano in pericolosi complotti e in violenza sessuale.

Convinta che il ragazzo abbia esercitato violenza sulla sorella e gelosa della loro relazione, Briony lo accuserà ingiustamente, segnando per sempre il destino futuro della coppia

Il gesto di una Briony bambina segna il destino di un uomo e una donna e trasforma la sua vita in un continuo percorso di espiazione. Le azioni ripetute, mostrateci da punti di vista differenti, comunicano ancora di più il senso di fatalità che è alla base della pellicola. Joe Wright realizza una regia dai risvolti interessanti, in parte frammentaria, concentrandosi sui particolari, ma che sembra aver paura di osare e lasciarsi andare. L’erotismo e la tensione che si ritrovano nelle immagini iniziali finiscono un po’ per perdersi nella seconda parte del film più convenzionale, ma non priva di coinvolgimento e ribaltamenti di situazione.

I colori e la fotografia interpretano le fasi della vita: dall’adolescenza agiata sui toni pastello fatta di giochi, messe in scena e passeggiate fra le solari colline verdeggianti, al buio del peccato, fino alle tinte fredde e plumbee della maturità e della guerra. A fare da corollario una colonna sonora incisiva ed emotiva, in cui il susseguirsi veloce delle note del pianoforte scandiscono il tempo della narrazione, riprendendo la sensazione ansiogena del rumore della macchina da scrivere. Nel suo lungo cammino di penitenza Briony cerca di porre rimedio agli errori del passato, con un profondo, umano ma egoistico atteggiamento di deviazione, virando i suoi sforzi su qualcosa d’altro piuttosto che affrontare il problema principale, con il quale si troverà, inevitabilmente, a fare i conti. La morale comune insegna che la cosa giusta da fare è dire tutta la verità ed espiare le proprie colpe attraverso la sofferenza. La vita ci insegna che qualche volta questa sincerità è meglio metterla da parte è trovare un’alternativa, se non per gli altri, almeno per se stessi.

di Tania Marrazzo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo