Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Melvin, scrittore di discreta fama, ma soprattutto uomo non più giovanissimo e soprattutto non dei più gradevoli: maniaco dell'igiene, cinico e crudele nei confronti del resto del genere umano. In particolare dei soggetti che gravitano intorno al suo personale universo: il vicino, un pittore fallito con tendenze omosessuali; il suo compagno di colore; la dolce cameriera del ristorante che Melvin è uso frequentare.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Varie contingenze lo porteranno ad un quantomeno discutibile percorso di redenzione.

Che il film non sia magnifico è cosa che appare evidente entro i primi venti minuti della visione, quando le premesse da commedia nera vengono affogate in un mare di melassa tipico delle commedie rosa più banali. Non bastasse, al fine di giustificare questa improvvisa presa di coscienza del protagonista, vengono utilizzati i trucchi più bassi possibili: la cameriera con figlio più che malato al seguito, il vicino gay che viene picchiato, derubato (perfino del cane, spiritualmente parlando) e ridotto sul lastrico. Il film è già più accettabile dal punto di vista della pura risata, dove effettivamente qualche battuta è particolarmente brillante; si poteva comunque fare di meglio, anche da questo punto di vista, e il dover ricorrere ancora una volta all'espediente del cagnolino tenero-simpatico-pasticcione arriva anche a fare tristezza.

Ignorare tutto ciò e affidarsi solamente all'interpretazione degli attori e a una regia più che professionale? Impossibile perché il film, tra le altre cose, ha una durata spropositata, che va ben oltre le due ore: e non di rado vi sono cali di ritmo, sottotrame assolutamente inutili. Per non parlare poi degli attori: Greg Kinnear e Cuba Gooding Jr., che recitano la parte degli omosessuali; Jack Nicholson che pare interpretare più che altro sé stesso, con ghigni diabolici e sopracciglia sollevate a profusione. Non resta che affidarsi alla dolce e salvifica Helen Hunt, l'unica del cast che riesce a essere completamente in parte.

Se Jack Nicholson pare interpretare più che altro se stesso, con ghigni diabolici e sopracciglia sollevate a profusione, non resta che affidarsi alla dolce Helen Hunt.

di Giacomo Ferigioni
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo