Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

«Voi avete bisogno di Tata Matilda!» Ed eccola ripresentarsi dopo cinque anni più in forma che mai in un film molto più riuscito del primo, che non ne è però propriamente il seguito. Il fortunato personaggio tratto dalla serie di romanzi per l’infanzia di Christianna Brend ritorna sugli schermi, sceneggiato e interpretato ancora una volta da Emma Thompson e prodotto da Lindsay Doran, alla sua quinta collaborazione con l’attrice.

Tata Matilda e il grande botto ricalca esattamente la struttura del primo film fin dall’inizio, ma in questa nuova avventura ad avere bisogno di lei non sono più i Brown ma i Green, famiglia di altro colore e di altra epoca.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3.8/5

La storia è ambientata in Inghilterra durante dei non ben definiti anni Quaranta mentre imperversa quella che potrebbe essere una seconda guerra mondiale causa di forti disagi. A mancare ai bambini stavolta è la figura del padre (un evanescente Ewan Mc Gregor), partito per il fronte e successivamente disperso sul campo di battaglia. Così la signora Green (Maggie Gyllenhaal) deve mandare avanti da sola la fattoria, occuparsi dei conflitti di classe fra i suoi tre terribili figli e i due altolocati nipoti londinesi, riparare ai danni della sua datrice di lavoro, la signora Docherty (Maggie Smith), e respingere le insistenze del cognato Phil (Rhys Ifans), che vuole acquistare a tutti i costi la fattoria di famiglia. In questa disperata situazione fortunatamente spunta all’improvviso sull’uscio di casa Tata Matilda, ripugnante come sempre, con al seguito il suo bastone e un corvaccio nero con problemi di aerofagia, pronta anche stavolta a domare i pestiferi bambini che non fanno altro che azzuffarsi fra loro. Come di regola più i ragazzini apprendono i suoi insegnamenti di vita più si abbellisce il viso della tata che rimane con loro solo fino a quando ne hanno bisogno: una volta imparata la lezione possono andare avanti da soli.

Fresco e brillante, Tata Matilda e il grande botto diverte continuamente il pubblico dei più piccoli e non solo, senza cali e patetismi troppo spinti. La godibilità della pellicola però, più che basarsi sulla protagonista, ricalco contemporaneo e abbastanza statico di Mary Poppins, le ruota intorno e riguarda tutti gli altri personaggi che agiscono nella storia. Il linguaggio forbito utilizzato dai nipoti della signora Green mentre sono immersi in un mare di fango ed escrementi, le due losche figure delle signorine Topsey (Sinead Matthews) e Turvey (Katy Brand) che minacciano Phil di espiantargli i reni se non salderà i suoi debiti di gioco, lo strofinatore automatico per massaggiare e rendere felici i maialini che si destreggiano in esibizioni di nuoto sincronizzato, la serafica pazzia della signora Docherty che scambia un ammasso di sterco di vacca per un cuscino, sono situazione che, oltre a conferire un ritmo incalzante al procedere della narrazione, contribuiscono alla riuscita della pellicola.

A mancare ai bambini stavolta è la figura del padre (un evanescente [Ewan Mc Gregor]), partito per il fronte e successivamente disperso sul campo di battaglia

Tata Matilda e il grande botto raggiunge lo scopo mancato dal predecessore: riuscire a far sorridere e sognare anche gli adulti, bisognosi, di tanto in tanto, di ritrovare un pizzico di magia nella realtà quotidiana.

di Tania Marrazzo
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo