Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Precious Recensione


Precious Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Precious, una ragazza di 17 anni obesa, vive una situazione familiare dolorosa e difficile. Il padre abusa di lei e per la seconda volta rimane incinta dell’uomo che la madre afferma esserle stato rubato dalla figlia.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 4.0/5
Voto utenti: 3/5

Precious non sa leggere e non sa scrivere, ma eccelle in matematica ed è intelligente. Ha bisogno di una scuola speciale e su invito del dirigente scolastico - che nel frattempo scopre la sua maternità - inizia a frequentare un corso che l’aiuta a colmare le lacune nella propria istruzione. Ed è nella nuova scuola che Precious a poco a poco acquista coscienza di se stessa, conquista la propria indipendenza e riesce ad allontanarsi da una madre egoista, incapace di proteggerla e di amarla davvero. Capitale per la ragazza è l’incontro con la giovane insegnante, Miss Rain (Paula Patton) che le insegna a leggere e a scrivere, incitandola a tenere un diario.

Ci sono film che sono essenzialmente attore e personaggio: Precious di Lee Daniels, premio Oscar per la miglior sceneggiatura non originale e per la miglior attrice non protagonista (Mo’Nique nel ruolo della madre) è uno di questi. Il contesto sociale, la fabula, la colonna sonora, il linguaggio scurrile, la modalità di ripresa non schematica rendono Precious una pellicola interessante e destabilizzante, ma è indubbio che senza Gabourey Sidibe non ci sarebbe Claireece Precious Jones. La giovane attrice è il punto focale indiscusso: attiva una forza centrifuga che riesce ad attrarre l’intera platea; non dà scampo e costringe a seguire con emozione la sua vicenda.

Ed è nella nuova scuola che Precious a poco a poco acquista coscienza di se stessa, conquista la propria indipendenza e riesce ad allontanarsi da una madre egoista, incapace di proteggerla e di amarla davvero

Lee Daniels sporca la pellicola con una fotografia metropolitana, spigolosa e sgranata. Non c’è spazio per morbide sfumature: la parabola di Precious è un percorso doloroso in cui il lieto fine assume tinte amare e dolenti. Quando il sistema scolastico e quello sociale in se stessi sono inadatti nel fornire soluzioni, la protagonista si abbandona alle fantasia per rendere meno dolorosa la realtà. La macchina da presa si sofferma sui dettagli e spesso sceglie i primi piani per raccontare la sua storia.

Ispirata al romanzo Push della musicista e poetessa Sapphire, la pellicola riesce ad abbinare la ferocia dei bassifondi con la poesia della maternità anche nelle condizioni più riprovevoli.

di Angelica Tosoni
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo