Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
SchedaAggiorna schedaRecensione FotoCuriositàCitazioniHome video ELIMINA
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Mortal Kombat Home video


Mortal Kombat Home video

Recensione Dvd Recensione Blu Ray
Non è disponibile una recensione per questo DVD.
Effettua il login e scrivila tu
Username
Password


Registrati Password dimenticata
  • Edizione: Standard
  • Numero dischi: 1
  • Video: 1.85:1 Widescreen
  • Audio: Inglese (DTS-HD Master 5.1); italiano, francese e tedesco (Dolby Digital 2.0); spagnolo, giapponese, turco e tailandese (Dolby Digital 5.1)
  • Sottotitoli: inglese, italiano, francese, spagnolo, portoghese, olandese, svedese, greco, ebraico, giapponese, norvegese, tailandese, turco, finlandese, danese, ceco
  • Distribuzione: Warner Bros.
  • Uscita: 15/04/2011

Recensione Blu ray

star star star star star
Il Mortal Kombat è un torneo interdimensionale che coinvolge Outworld e Earthrealm. Se il malvagio Shao Kahn (Cary-Hiroyuki Tagawa) vince il decimo torneo di fila, potrebbe conquistare la Terra e plasmarla a sua immagine e somiglianza. Fortunatamente i tre prescelti per fronteggiare gli adepti di Kahn (Sub-Zero, Scorpion, Reptile) sono addestrati e combattivi: il primo è Liu Kang (Robin Shou), in lotta con se stesso, si sente responsabile della morte del fratello; il secondo è la star del cinema Johnny Cage (Linden Ashby), attore di spirito e insicuro; la terza è l'agente speciale Sonya Blade (Bridgette Wilson), la cui missione consiste nel catturare il temibile Kano (Trevor Goddard). Imbarcati sulla nave diretta in un'isola segreta posta tra i due mondi, Raiden (Christopher Lambert), dio del tuono, racconterà la verità al gruppo e da quel momento il destino della Terra sarà nelle loro mani.

Rincorrendo il successo di Street Fighter - Sfida finale, uscito l'anno precedente con la star belga Jean-Claude Van Damme, Mortal Kombat gioca d'astuzia: punta sulla caratterizzazione sopra le righe dei personaggi, sull'intangibilità dei due mondi e, pensando di sfuggire alle critiche feroci, abusa di computer grafica per rafforzare una visione fantastica/surreale. Succede però che, quando una produzione si regge interamente sugli effetti digitali, con l'avanzare dei decenni e il graduale affinamento delle tecniche computerizzate, finisce per crollare su se stessa. Mortal Kombat è un adattamento forzato; un'accozzaglia di elementi di cattivo gusto che caratterizzano il cinema di Paul W. S. Anderson, dal '95 pilastro di successo della generazione cine-videoludica. Il videogioco è famoso per la sua violenza, per la grafica al tempo rivoluzionaria e per i personaggi fuori di testa. La trama e la coerenza sono elementi che non riguardano il mondo creato da Ed Boon e John Tobias; un mondo che Anderson rielabora, rimanendo fedele alla richiesta dei suoi creatori e prendendo sbadatamente alla lettera il fattore bidimensionalità: lo spessore dei personaggi è talmente sottile che, tra una battuta di Cage e i pettorali di Kang, ci si dimentica il motivo per cui stiano combattendo. Neppure le sfide - fulcro di un'operazione commerciale come questa - lasciano il segno: le coreografie sono sempliciotte, durano meno di un round alla PlayStation e ridicolizzano anche il mostro più impressionante come Goro. Giusto per forzare un'analisi legata al concetto di complicità tra i due media, questa si mette da parte nel momento decisivo: fatality rivisitate, crudeltà ridotta ai minimi termini con conseguente azzeramento della presenza di sangue, poiché, per evitare la censura, è stata messa al bando qualsiasi forma di violenza, sia essa plateale o latente. La colpa - scelta del regista a parte - è soprattutto dello script: avvilente, opera di Kevin Droney, trascinato dal desiderio di raccontare lo scontro tra bene e male, lo traccia in modo troppo elementare. Il film fu un successo - come la saga di Resident Evil, sempre rimaneggiata da Anderson - ma risulta evidente come sia stata fraintesa la richiesta dei cinefili e, di contro, assecondata quella degli appassionati.

Il film continua ad attrarre spettatori di tutte le età, probabilmente legati emotivamente al videogioco e assuefatti dall'idea stessa di trasposizione su pellicola. Due anni dopo l'effetto nostalgia venne notevolmente ridotto con l'uscita del sequel Mortal Kombat - Distruzione Totale, diretto da John R. Leonetti, direttore della fotografia del primo. Nel 2010 il brand è tornato in auge grazie al corto diffuso in rete da Kevin Tancharoen, intitolato Mortal Kombat: Rebirth. Warner Home Video non poteva scegliere momento migliore per riproporre, in versione Blu-ray, il film di Mortal Kombat. Quasi in concomitanza con l'uscita del nuovo videogioco e il successo della serie web Mortal Kombat: Legacy diretta da Kevin Tancharoen, l'edizione ad alta risoluzione del film di Anderson propone poche novità: nettamente superiore - rispetto all'edizione DVD - la qualità video mentre la traccia audio in italiano è rimasta la stessa, codificata nel poco esaltante Dolby Digital 2.0.

Contenuti speciali



- L'avventura animata: Mortal Kombat - The Journey Begins (39' circa)
Diversi mesi prima dell'uscita del film, Threshold Entertainment rilasciò un tie-in animato su VHS e Laserdisc: un misto di animazione tradizionale e grezza computer grafica. Dovrebbe teoricamente spiegare le origini di alcuni personaggi ma la pessima qualità dell'animazione e della storia lo rende oggi, più di ieri, un prodotto approssimativo.

- Trailer cinematografico


di Vito Sugameli
Sei d'accordo con questa recensione?
No
20 No
Condividi:
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo