Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

E la distribuzione italiana ha fatto un'altra vittima illustre. Nel settembre del 2010 la Sony ha infatti annunciato che Zombieland salterà l'uscita nelle sale per arrivare direttamente nel mercato home video.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

In più, con tanto di infelice aggiunta al titolo, che diviene così Benvenuti a Zombieland. Tralasciando le scelte di mercato, non possiamo che caldeggiare la visione di questo film del 2009 di Ruben Fleisher, al suo esordio cinematografico dopo varie produzioni televisive. Non è nuovo il filone dell'horror parodistico a tema zombie, basti pensare a L'alba dei morti dementi o a Planet Terrror, ma è sempre un piacere ritrovare un'originalità frizzante e genuina in un prodotto proveniente dagli States. Per di più se vede la partecipazione di attori del calibro di Woody Harrelson e Bill Murray (in un piccolo, gustosissimo cammeo), e di astri nascenti come Jesse Eisenberg (già avvezzo in realtà a tematiche orrorifiche con Cursed di Wes Craven), Emma Stone e Abigail Breslin.

L'umanità è stata sottomessa dagli zombie, e gli Stati Uniti sono totalmente in preda alla distruzione e al caos. Pochi i sopravvissuti, tra i quali il giovane Columbus (Jesse Eisenberg), timido studente che per la propria incolumità ha stilato un gran numero di regole da attuare per evitare una precoce dipartita. Quando incontra il rude Tallahassee (Woody Harrelson), la nuova "coppia" si mette in viaggio alla ricerca di un posto leggendario ad est, che secondo le dicerie è riuscito a scampare all'apocalisse.

Non è nuovo il filone dell'horror parodistico a tema zombie, basti pensare a o a , ma è sempre un piacere ritrovare un'originalità frizzante e genuina in un prodotto proveniente dagli States

Sulla loro strada si imbattono le sorelle Wichita (Emma Stone) e Little Rock (Abigail Breslin), da cui vengono ingannati perdendo così la vettura e le armi. Appiedati, ma pieni di risorse, Columbus e Tallahassee ritrovano le due ragazze, e questa volta stringono un accordo. Cominciano così a vagare insieme per le strade devastate degli States.

Un sano enterteinment non privo di rimandi cinefili e di genialità nel creare scene action coinvolgenti e avvincenti, in parte memori del mondo videoludico, altrove ricche di spunti comici irresistibili. Zombieland è essenzialmente un road movie tendente alla commedia, e la componente horror è talmente labile da risultare quasi inesistente, grazie a un trucco azzeccato dei morti viventi, che finiscono per risultare volutamente imbelli.

Ed ecco così che fra trascinanti sparatorie al parco giochi, assalti distruttivi a supermarket chiusi da tempo immemore, improvvisate visite a magioni hollywoodiane (con irresistibile cammeo di Bill Murray nei panni di se stesso), questo mondo allo sbando si prende poco sul serio, ma lo fa con una gustosissima classe e voglia di osare. Merito anche di una narrazione efficace, che negli ottanta minuti di durata, non perde un colpo, vivendo di dialoghi forbiti e sprezzanti, e di un'evoluzione costante dei personaggi, dapprima diffidenti gli uni verso gli altri ma in seguito in grado di comprendere il vecchio motto "l'unione fa la forza". Le regole che Columbus si da per sopravvivere, il premio per la "miglior uccisione" della settimana, i flashback sul passato dei protagonisti, una sigla d'apertura già assunta a cult, rendono Zombieland sempre vario e originale. Il sequel, inutile dirlo, è già in lavorazione visto il successo ottenuto in patria, ma questo, per una volta tanto, non è un male. E per il prossimo futuro, prendete appunti: chissà che le regole di Columbus non vi possano tornare utili.

di Maurizio Encari
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo