Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Hot Fuzz Recensione


Hot Fuzz Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Per tanto, troppo tempo il cinema d’azione è stato rilegato nel ghetto dei film di seconda categoria: pellicole fracassone dove duri di turno (Arnold Schwarzenegger, Sylvester Stallone, Jean-Claude Van Damme) gonfi di muscoli e lucidi di sudore, scampano a sparatorie, esplosioni e disastri di ogni sorta, salvando sempre la situazione e uscendone miracolosamente illesi, magari con la bella di turno tra le braccia. Con gli anni, però, il cinema è cambiato e sul finire degli ’80 le pellicole action sono uscite dal ghetto in cui erano state segregate, contaminando molti altri generi in un periodo che si può definire come “l’alba dei blockbuster”.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 3.5/5
Voto utenti: 3/5

Saghe come Arma Letale e Die Hard hanno letteralmente sdoganato il genere grazie a una miscela di azione e humor che è diventata l’imprint dei moderni prodotti. Ma solo con l’avvento del nuovo millennio, dopo che i Wachowski dimostrarono che era possibile fondere azione e filosofia, dopo che Mtv instillò in Hollywood la moda di girare film con inquadrature dalla durata di meno di un secondo, e grazie ai nascenti filoni di cinefumetti e cinevideogiochi, l’action inizia a essere apprezzato dal grande pubblico, in cerca di maggior intrattenimento e meno pensiero. Registi come Tony Scott, Michael Bay e John McTiernan divennero veri e propri punti di riferimento per i cineasti bramosi di girare un action adrenalinico. Tuttavia solo nel 2007 questi maestri otterranno la consacrazione grazie a un personalissimo omaggio a loro dedicato.

La triade di cinefili Edgar Wright (regista), Simon Pegg e Nick Frost (attori), conosciutisi sul set della serie Tv inglese Spaced e reduci dal loro personale omaggio agli zombie-movies Shaun of the dead, affronta il delicato compito di imbastire un film in cui si mischino action, black comedy, un tocco di gore e reverenziali omaggi che non scivolano mai nella parodia. L’agente Nicholas Angel (Simon Pegg) è il miglior poliziotto in circolazione a Londra. Migliore a tal punto che colleghi e superiori, per non sfigurare, decidono di trasferirlo a Sandford, paesino sperduto nella campagna inglese dove non accade mai nulla, o almeno così sembra. Il ritrovamento di due cadaveri decapitati verrà archiviato dalla polizia locale come un banale incidente, ma Angel non è convinto e inizia a indagare con l’aiuto di Danny Butterman (Nick Frost), burroso e goffo poliziotto locale con la fissa dei film d’azione.

Wright gira con passione, sfoggiando senza ostentazioni il proprio talento da cinefilo come se fosse un Tarantino inglese.

Registi come [Tony Scott], [Michael Bay] e [John McTiernan] divennero veri e propri punti di riferimento per i cineasti bramosi di girare un action adrenalinico

Ogni inquadratura trasuda rimandi a film, registi, situazioni; le citazioni spaziano da Bad Boys a Point Break, da Léon a Die Hard arrivando sino a Kill Bill e Tango & Cash. Un intrattenimento colto oltre che divertente, denso di trovate geniali ed esilaranti. Pegg e Frost sono impeccabili: una coppia di moderni Blues Brothers dell’azione che si complementano in un modo che non si vedeva dai tempi di Mel Gibson e Danny Glover in Arma Letale. Degno di nota anche il cast di comprimari, che annovera in piccoli ruoli star inglesi come Martin Freeman (Guida galattica per autostoppisti), Bill Nighy (il Davy Jones dei Pirati dei Caraibi) e il premio Oscar Jim Broadbent (Iris, Moulin Rouge, Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo).

Ogni personaggio è caratterizzato con tratti ben definiti e all’interno dei 121 minuti di pellicola ha il suo piccolo momento di gloria. La fotografia è curata al punto che risulta quasi maniacale, passando dal desaturato alla grana, dai neri abissali delle scene di notte alle luci fluorescenti. La storia alterna atmosfere horror (grande passione di Wright & co.) a inseguimenti mozzafiato suggellati da una regia da videoclip frastornante ma non confusionaria, il tutto condito da sparatorie, battute taglienti e citazionismo a mille.

di Marco Filipazzi
Sei d'accordo con questa recensione?
No
00 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo