Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Per vedere il tuo commento pubblicato immediatamente effettua l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per scrivere la tua recensione per questo film devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata
Per seguire questo utente devi effettuare l'accesso

Username
Password


Registrati Password dimenticata

Predator Recensione


Predator Recensione

Recensione Silenzio in sala
Recensioni utenti

Il tema dell’alieno ha avuto un ruolo da protagonista nell’immaginario collettivo per quasi tutto il ventesimo secolo e le premesse sembrano confermare questa tendenza anche agli albori del primo millennio. UFO, incontri ravvicinati, cerchi sul grano: sono espressioni ormai entrate nel linguaggio quotidiano; eventi e circostanze spesso inspiegabili sui quali nemmeno gli strumenti recenti più all’avanguardia hanno saputo far luce, ma elementi percepiti come reali e tangibili, più di qualsiasi credenza superstiziosa o pseudoreligiosa.

VOTA
il tuo voto
/5
Esprimi il tuo voto su questo film:

.
.
.
.
.
Voto Silenzio in Sala: 2.5/5
Voto utenti: 3/5

Senza dubbio un canovaccio molto appetibile per l’industria del cinema ed un fenomeno su cui le pellicole stesse hanno contribuito notevolmente a catalizzare l’attenzione del grande pubblico. Fatta eccezione per il primo dopoguerra e la Guerra Fredda, in cui l’altro era rappresentato dal blocco avversario, la figura dell’extraterrestre ha subito un’evoluzione abbastanza sottile dagli anni settanta fino ai giorni nostri. Il dato curioso è che nella stragrande maggioranza dei casi le sue sembianze sono assimilabili alla famiglia dei rettili e che il genere più sfruttato a tal proposito è stato indubbiamente l’horror fantascientifico, con la paura e il terrore verso una razza spesso aggressiva e minacciosa a dominare la scena. Basti pensare al primo storico Alien di Ridley Scott, capostipite di un filone all’interno del quale si incastrano alla perfezione lo stesso Predator e gli svariati crossover successivi – un copione comunque canonico anche nelle parodie, a cominciare da Mars Attacks! di Tim Burton.

Una squadra speciale di salvataggio, capitanata dal Maggiore Dutch (Arnold Schwarzenegger), viene reclutata dalla Difesa degli Stati Uniti e inviata in una giungla dell’America Centrale per quella che dovrebbe essere una missione di recupero di alti esponenti del governo. L’unico nemico da affrontare sembrano i guerriglieri della zona, ma a complicare le cose entrano in gioco l’ostile conformazione del territorio e soprattutto la minaccia di una creatura sconosciuta.

La presenza di Schwarzenegger nel cast è emblematica: l’azione, quella puramente americana, è l’essenza della trama, sebbene non così caotica e frenetica visti gli standard. Il plot si porta appresso numerose lacune e forzature, a cominciare dall’artificiosità con cui si sposta il mirino dai guerriglieri nella prima parte al predator nella seconda. Entrambe le storie lasciano per strada dettagli rilevanti, tanto da scontentare anche lo spettatore meno insaziabile.

Il dato curioso è che nella stragrande maggioranza dei casi le sue sembianze sono assimilabili alla famiglia dei rettili e che il genere più sfruttato a tal proposito è stato indubbiamente l’horror fantascientifico, con la paura e il terrore verso una razza spesso aggressiva e minacciosa a dominare la scena

A compensare il tutto ci si aspetterebbe quantomeno una tensione da tagliare a fette e la suspense tipica del genere, ma né gli interpreti né una musica alla lunga troppo piatta e ridondante sembrano in grado di evitare la presenza di numerosi momenti morti. Ciò che conferisce alle due ore un po’ di appeal non può che essere il predatore stesso, l’unico vero protagonista della vicenda capace di risollevare le sorti del film. Anche nel suo caso, ben poco ci è dato sapere; non resta che ammirare la sua potenza sovrumana, i suoi (rari) palesamenti e gli strabilianti effetti speciali – tuta dell’invisibilità in primis. Fortunatamente l’azione si risveglia un po’ nel finale e Schwarzenegger torna il Rambo che conosciamo; un grazioso bijou per i fan storici del “vecchio” Arnold, ma non basta.

di Valerio Ferri
Sei d'accordo con questa recensione?
No
03 No
Condividi:
Nessun utente ha ancora scritto la sua recensione per questo film.
Sii il primo.

Scrivi la tua recensione per questo film DI' LA TUA
Lascia un commento a questa recensione.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questa recensione COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo