Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Generazione X

Da Bryan Singer in poi: galleria di mostri tra i ''normali''

Anno di grazia 2000. span style="font-weight: bold;"Bryan Singer/span, allora già rinomato autore de span style="font-style: italic;"I soliti sospetti,/span dà ufficialmente il via all’ultimo grande filone hollywoodiano: quello dei cinecomics. Appena qualche lustro dopo il non propriamente riuscitospan style="font-style: italic;" Spawn/span e poco prima che span style="font-weight: bold;"Sam Raimi /spanpigiasse il bottone start della saga span style="font-style: italic;"SpiderMan/span, ecco Singer cimentarsi con il pioneristico dittico span style="font-style: italic;"X-Men/span, primitivo e futuristico battistrada di una tendenza tutt’ora in essere, riconducibile a reiterate trasposizioni e adattamenti per il grande schermo di nomi più o meno noti del racconto per nuvole; appartenenti all’universo Marvel e non solo. br /br /Quella effettuata da Bryan Singer non è affatto una scelta casuale: le personalità che affollano la “Scuola per Giovani Dotati” fondata dal professor Charles Xavier (il Professor X), altro non sono che meravigliosi scherzi della natura o, nel peggiore dei casi, della scienza militare (Wolverine); freaks temuti e ripudiati, outcast sociali, monstra declinabili attraverso la primigenia accezione del termine latino (prodigio), comunque avvertiti dalla comunità riconosciuta come “normale” esclusivamente secondo il senso comune e volgarmente basso dell’espressione arcaica (diversi, quindi pericolosi).

Esseri obbligati all’anonimato e al nascondiglio, outsider cromosomici spesso ripudiati dalle loro stesse famiglie, contemporaneamente costretti a vigilare sulle esistenze di chi li schernisce ma che involontariamente e nel silenzio dell’anonimato trae i salvifici benefici delle loro vigilanti capacità sovraumane. br /br /Singer, insomma, batte la stessa strada percorsa dall’span style="font-weight: bold;"M. Night Shyamalan /spandi span style="font-style: italic;"Unbreakable/span: il (super) potere non è (quasi) mai vantaggio, bensì condanna, fonte di sofferenza ed emarginazione. Per centrare in pieno il bersaglio il regista salta a piè pari le origini della serie cartacea (la stessa che voleva la formazione originaria composta dai soli Ciclope, Marvel Girl, la Bestia, Angelo e l’Uomo Ghiaccio: “X-Team” che, guidato dal professor Xavier, si divideva tra controllo e potenziamento dei propri poteri e lotta contro la nemesi Magneto), pescando a piene mani dalla “nouvelle vague” del fumetto, quella firmata dallo sceneggiatore francese span style="font-weight: bold;"Chris Claremont/span: al quale si devono, a cavallo tra gli anni ’70 e ’80, le virate tragiche dello script, la nascita di cicli imprescindibili per la comprensione d’insieme del fenomeno (La Saga della Fenice Nera su tutti) e la comparsa di personaggi chiave come Wolverine, di lì a poco destinato a sopravvivere di vita indipendente ben oltre le maglie di squadra appartenenti alle regole di gruppo della soap opera di fantascienza ideata da span style="font-weight: bold;"Stan Lee/span espan style="font-weight: bold;" Jack Kirby/span nel 1963. br /br /Un calderone d’intrattenimento all’interno del quale non mancano sottotrame squisitamente sociali e universalmente riconosciute come eterne, quali l’emarginazione, l’importanza del gruppo o la metaforica critica al razzismo e all’intolleranza nei confronti del diverso. Elementi che Singer non solo comprenderà appieno, ma addirittura farà suoi, utilizzandoli come “palestra” per quel melodramma sui sentimenti infranti meglio conosciuto comespan style="font-style: italic;" Superman Returns/span, non prima di aver lasciato in eredità il presunto fattore della generazione X, dal seme del quale germoglieranno, nell’ordine, span style="font-style: italic;"X-Men: The last stand/span e ben due spin-off: quello dedicato ai natali di Wolverine e il successivo, incentrato sull’origine del rapporto d’amicizia poi interrotta tra Xavier e Magneto.br /br /span style="font-weight: bold;"La saga/span:br /a href="/recensione-x-men.html"X-Men/abr /a href="/recensione-x-men-2.html"X-Men 2/abr /a href="/recensione-x-men-conflitto-finale.html"X-Men: Conflitto finale/aa href="/recensione-x-men-le-origini-wolverine.html"br /X-Men le origini: Wolverine/aa href="/recensione-x-men-l-inizio.html"br /X-Men: L'inizio/abr /.

di Luca Lombardini
Ti piace questo articolo?
No
00 No
Condividi:
Lascia un commento a questo articolo.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo