Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

I luoghi del viaggio tra cinema e interiorità

Il cinema influenza le scelte di viaggio degli spettatori?

Una ricerca di recente pubblicata sul sito Kajak ha mostrato quanto il successo di alcune pellicole cinematografiche influenzi le scelte di viaggio degli spettatori. Qualche esempio? Nelle settimane successive all'uscita de Il Grande Gatby con Leonardo Di Caprio è stato registrato un aumento del 2% delle ricerche sui voli per New York, mentre lo scorso anno il premiatissimo Grand Budapest Hotel ha definitivamente rilanciato l'Ungheria fra le mete più ambite. Solo in Italia, le ricerche di voli per Budapest sono cresciute del 5%.

Cosa lega allora cinema e viaggi? Cosa spinge uno spettatore a decidere di diventare, dopo la visione, anche attore di un suo personale road trip?

Prima del film c’è il romanzo
L’articolo determinativo non è un caso: «il» perché uno su tutti ha influenzato i road movie. Sulla strada (On the Road) è un romanzo autobiografico, scritto nel 1951 dallo scrittore statunitense Jack Kerouac, basato su una serie di viaggi in automobile attraverso gli Stati Uniti, in parte in compagnia dell'amico Neal Cassady e in parte in autostop.
Foto Articolo
Un libro culto per le generazioni di quegli anni - e per le successive - per due motivi: primo, l'oggetto del libro è un viaggio senza meta; secondo, il set di ambientazione sono i favolosi Stati Uniti dal fascino immortale, in cui sono stati girati molti film e che ne hanno ispirati altrettanti.

Luogo intriso di magnetismo, di cultura, di un’aura inspiegabile.

Dobbiamo andare e non fermarci finché non siamo arrivati
La parola «viatius» dal latino, attiene a tutto ciò che ha a che fare con il cammino. Il cammino non è la meta, ma ciò che sta nel mezzo. Il dover andare sposa la libertà del volerlo fare per sentire la leggerezza dell’assenza da vincoli. L’essere catapultati nel mondo senza altri che se stessi (il film In to the wild ne è l’emblema). Il mettersi in viaggio non sempre è frutto casuale di un’emozione momentanea, ma a volte nasce da un’esigenza che impone metodo nell’organizzarlo. E cosa è il metodo, se non qualcosa che indica un obiettivo raggiungibile attraverso una via?

il viaggio come ricerca
Scriveva Gialal al-Din Rumi, poeta e mistico persiano alla fine del 1200 «O uomo! Viaggia da te stesso in te stesso». Questo è per antonomasia il percorso più accidentato, irto di ostacoli e non privo di sofferenze, ma ricco di soddisfazioni alla fine. Il termine «vacanza» (dal latino «vacatio»), rimanda al concetto di vuoto. Quando si intraprende un viaggio se non nel momento in cui si ha tempo e la possibilità di poter trascurare affetti, lavoro e studio, per osservare i propri paesaggi interiori che in modo non scontato spesso corrispondono a quelli che osserviamo?
Foto Articolo
Sean Penn in This Must Be The Place di Paolo Sorrentino interpreta una rock star in crisi di identità: è un viaggio a ricondurlo dal presente in un passato - non sepolto dai luoghi della memoria - che gli consentirà di riappacificarsi con il suo sé più autentico, liberandolo dall’immagine artificiale proiezione falsata degli altri. Lucrezio, poeta e filosofo romano, scriveva «Spesso lascia il suo grande palazzo chi si annoia a restare a casa; ma subito vi torna perché non si trova affatto meglio fuori». Perché è solo quando si è visitato se stessi che si è pronti a vedere il mondo fuori. Poco importa dove si sia diretti e dove si poserà lo sguardo, apparirà comunque uno spettacolo magnifico.

di Antonella Sugameli
Ti piace questo articolo?
No
00 No
Condividi:
Lascia un commento a questo articolo.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo