Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Vai alla scheda

Torna in sala La Grande Bellezza in versione integrale

Solo per 3 giorni, dal 27 al 29 giugno 2016

A distanza di 3 anni, Indigo Film, Medusa Film e Nexo Digital riportano nuovamente in sala, per soli 3 giorni – dal 27 al 29 giugno – La grande bellezza, in una versione estesa che comprende 30 minuti di girato in più rispetto all’edizione vincitrice dell’Oscar come miglior film straniero. Che sia piaciuto o meno, lo si sia amato o detestato, o più difficilmente abbia lasciato indifferenti, La grande bellezza ha segnato un qualche spartiacque nella proposta cinematografica italiana, riportandoci anche in modo più evidente sullo scenario internazionale. La grande bellezza è un film che guadagna da una seconda visione a 3 anni di distanza, in particolare alla luce dei 30 minuti aggiuntivi. Non ognuno di questi 30 minuti è evidente, soprattutto se non si ha un nitido ricordo del film di Paolo Sorrentino, ma nel complesso si tratta di un’aggiunta interessante nel dare respiro a certi passaggi e nell’integrarli con sequenze integralmente tagliate, come l’intervista di Gep Gambardella ad un anziano maestro del cinema, interpretato da Giulio Brogi, che si articola in uno scambio sul significato del cinema e del concetto d’incanto, legandolo in un’ultima istanza all’amore.

Amore che è la vera grande bellezza e il motore immobile di tutto il film, sia esso il grande amore perduto o l’amore per una città, per le proprie radici, per un’umanità che sembra essersi persa, ma che riesce ancora a sorprendere chi abbia la sensibilità di osservarla.

La grande bellezza si conferma un film ricco di contenuti, probabilmente furbo, forse controverso, ma cinematograficamente ineccepibile e capace di restituire su grande schermo la potenza dei paesaggi, della luce, della bellezza imperturbabile, ancorché compromessa, della Città Eterna. A distanza di tre anni Gambardella non ha perso la sua verve e la capacità di sorprendere con le lucide analisi sulla mondanità e sulle sue degenerazioni, viste con quell’accondiscendenza che si riserva ad un bambino viziato, quale in fondo lo stesso scrittore ha sempre giocato ad essere. Con il recupero delle parti tagliate, la figura di Gep si articola meglio, diventa più tonda. Questo non implica la necessità di recuperare il film in questa nuova versione, ma è probabilmente auspicabile che lo faccia chi ha amato il film e chi non l’ha mai visto. Per gli altri potrebbe bastare attenderlo in versione Home Video, ma la Roma di Sorrentino sul grande schermo vale la pena di spendere 3 ore in sala, quindi… perché no?

di Roberto Semprebene
Ti piace questo articolo?
No
10 No
Condividi:
Lascia un commento a questo articolo.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo