Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Mezzo secolo senza Totò: quanto ci manca il Principe della Risata

Totò, Antonio De Curtis, ci ha lasciato 50 anni fa, il 15 aprile 1967. Un’esistenza fatta di teatro e cinema, ma anche di passioni amorose.

Sarà quel naso pronunciato, la bocca a fessura, il collo snodato. Sarà la bombetta o quella parlata variegata e piena di giochi dialettici, che hanno fatto la storia del cinema italiano. Totò – al secolo Antonio De Curtis – i più giovani lo conoscono, ma solo di sfuggita. Magari si sono imbattuti nei suoi film più celebri, d'estate, quando in TV passano le pellicole più famose.

Se oggi al cinema viene proiettato Smetto quando voglio è perchè prima ci sono stati I soliti ignoti e La banda degli onesti. Pietre fondatrici della commedia italiana.

Totò ci ha lasciato ormai cinquant’anni fa, il 15 aprile 1967. Un’esistenza fatta di teatro e cinema, ma anche di passioni amorose: tante le donne che l’hanno accompagnato, mogli e amanti, che fonte d’ispirazione e tormento. Malafemmena, da lui composta, oltre che una canzone conosciuta in tutto il mondo, è frutto proprio di queste passioni: racconta di un amore contrastato che assume le fattezze di donna affascinante, insensibile, indifferente alle pene d’amore che affliggono il proprio innamorato. I più maliziosi hanno pensato per anni che fosse dedicata a Silvana Pampanini (che Totò aveva conosciuto sul set di 47 morto che parla), dopo che la bella attrice aveva rifiutato la sua offerta di matrimonio. Leggenda smentita in seguito dalla figlia Liliana De Curtis, che ha ribadito più volte che il testo della canzone fosse rivolto a Diana Bandini Lucchesini Rogliani, moglie di Totò, da cui è nata la loro primogenita. Un uomo desiderabile e desiderato, Totò, non solo dalle donne ma anche dai registi: da Mario Monicelli a Steno, passando per Sergio Corbucci e Pier Paolo Pasolini.

Il Principe intendeva il cinema in modo spontaneo e intenso. Tra i suoi film più iconici: Napoli Milionaria di Eduardo De Filippo, Guardie e ladri di Steno e Mario Monicelli, Miseria e nobiltà di Mario Mattioli, Totò Peppino e la Malafemmena di Camillo Mastrocinque. In ognuna di queste prove, Totò è riuscito a incarnare l'essenza del film. «Signori si nasce e io, modestamente, lo nacqui»: non era una frase da copione ma un attributo autoironico di rispetto e stima. Rispetto che Totò rivolgeva alle maestranze, e anche nei confronti del suo pubblico. Per il Principe stavano tutti sullo stesso piano, e lui li trattava con l’identica sagacia e finezza. Come dimostra nel testo de A livella: «Ma chi te cride d'essere... nu ddio? Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale? Muorto si'tu e muorto so' pur'io; ognuno comme a 'na'ato é tale e quale». Oggi, a cinquant'anni dalla sua scomparsa, le riflessioni di Antonio De Curtis - anche quelle sulla morte - restano attuali e persino un po' ironiche. Diceva Totò: «Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo Paese, in cui però per venire riconosciuti qualcosa, bisogna morire». Una frase profonda come una sentenza, che muta in nostalgia a distanza di mezzo secolo.

di Andrea Desideri
Ti piace questo articolo?
No
40 No
Condividi:
Lascia un commento a questo articolo.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo