Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Shin Godzilla Approfondimento


Shin Godzilla Approfondimento

Vai alla scheda

Godzilla: dal 1954 a oggi, storia del Re dei Mostri nella terra del Sol Levante

Una delle icone del cinema, con ventinove film realizzati in Giappone più due capitoli di matrice americana, torna protagonista delle sale con l'uscita di Shin Godzilla

Nato oltre sessant'anni fa da una felice intuizione di Tomoyuki Tanaka, produttore della Toho Company Ltd., Godzilla (in lingua originale Gojira, sincrasi delle parole gorira - gorilla - e kujira - balena) è presto divenuto una delle più celebri e significative icone della Settima Arte, protagonista indiscusso di un ricco filone cinematografico il quale annovera, allo stato attuale, ventinove film realizzati nella terra del Sol Levante più due capitoli di matrice americana. Se siete fan del leggendario lucertolone non potete perdervi la storia dei Godzilla made in USA.

Contraddistinto dall'aspetto di un gigantesco rettile, Godzilla è un kaiju (letteralmente "strana bestia") che combina insieme i tratti dell'iguanodonte e del tirannosauro, esibendo vistose placche ossee sulla schiena e un robusto manto squamato i cui bitorzoli ricordano le cicatrici cheloidi, un tipo di lesione spesso riscontrata tra i superstiti del bombardamento di Hiroshima. La peculiare caratterizzazione estetica del mostro, unita al suo metabolismo basato sull'assorbimento delle radiazioni e alla sua capacità di sprigionare devastanti raggi nucleari, evidenziano in modo lampante come l'intenzione degli autori fosse quella di rappresentare, per mezzo della spaventosa creatura, il potere distruttivo degli ordigni atomici: questi avevano profondamente segnato l'immaginario del popolo nipponico dapprima con le esplosioni del 6 e del 9 agosto 1945, e poi, nove anni dopo, con l'incidente della nave Daigo Fukuryu Maru, colpita al largo dell'Atollo di Bikini dai test militari statunitensi.
Foto Articolo
Se per un verso, dunque, Godzilla si configura sin dalle origini quale tragica incarnazione della minaccia nucleare, per altro verso il leggendario lucertolone è assurto anche a metafora diretta di quelle forze incontrollabili della natura - vulcani, terremoti, tsunami - che da sempre scandiscono la geografia e la vita del Giappone. La prima storica apparizione di Godzilla risale al 3 novembre 1954, quando appare nelle sale del Sol Levante l'omonima pellicola del regista Ishiro Honda.

Contrassegnato da un'atmosfera cupa e angosciosa, il film prendeva le distanze dai precedenti monster movie (King Kong e Il risveglio del dinosauro in primis) privilegiando la descrizione drammatica a quella puramente spettacolare.

Il film finiva così per assumere i contorni di un feroce apologo antimilitarista, teso a esprimere la sofferenza collettiva di un popolo che recava ancora, nel corpo e nello spirito, le ferite di una terribile violenza bellica. Particolare rilievo acquisiva, in tale ottica, il severo ammonimento lanciato dall'opera nei confronti dei rischi dell'evoluzione tecno-scientifica, responsabile non solo del risveglio del terrificante mostro, ma anche dell'invenzione di una nuova micidiale arma: se per un verso questa contribuiva a neutralizzare Godzilla, per l'altro rappresentava una minaccia potenzialmente ancora più letale per le sorti dell'umanità.
Foto Articolo
Nonostante i rudimentali effetti speciali (a interpretare il kaiju era un attore travestito), la pellicola di Honda registrò un notevole successo di critica e di pubblico, inaugurando quella che sarebbe divenuta una delle saghe più prolifiche dell'intera storia del cinema. A partire infatti già dall'anno successivo, Godzilla tornò protagonista sul grande schermo di numerosi titoli che oggi si suole suddividere in quattro ere principali.

Inaugura il corso l'era Showa (dal nome del periodo in cui ha regnato l'imperatore Hiroito), comprendente in tutto quindici diverse produzioni, dall'esordio del 1954 al bizzarro Distruggete Kong! La Terra è in pericolo del 1975. L'era Heisei (dal nome dell'attuale periodo Heisei, in cui regna l'imperatore Akihito) annovera al proprio attivo sette titoli, da Il ritorno di Godzilla (1984) a Godzilla vs. Destoroyah (1995). Segue l'era Millennium, antologia di sei film inediti in Italia la quale prende avvio con Godzilla 2000: Millennium (1999) e si conclude con Godzilla: Final Wars (2004), festeggiando il cinquantesimo anniversario dall'uscita dell'originale. Infine, dopo un lungo periodo di pausa, l'iconico lucertolone è ritornato al cinema con Shin Godzilla (2016), pellicola che ne rilancia il mito traghettandolo nell'odierna quarta era, soprannominata Reboot.
Foto Articolo
Nel corso della sua lunga carriera cinematografica, Godzilla ha condiviso spesso il grande schermo con una fitta schiera di comprimari altrettanto mostruosi, apparsi ora nei panni del nemico di turno, ora in quelli del valido alleato: è il caso di creature di origine preistorica come Rodan e Angilas, di organismi nati in laboratorio come Biollante e MechaGodzilla, di esseri provenienti dallo spazio come King Ghidora e Gigan, nonché di diretti discendenti come Minilla e Godzilla Junior. Contestualmente, il ruolo stesso del capostipite di tutti i kaiju ha conosciuto negli anni una significativa evoluzione: apparso originariamente come personificazione della catastrofe atomica, Godzilla diviene presto un beniamino del pubblico, trasformandosi fin dal primo sequel, Il re dei mostri (1955), in un eroico difensore dell'ecosistema e del pianeta contro le distruttive minacce rappresentate di volta in volta da altre bestie primordiali, da invasori extraterrestri, nonché dallo sconsiderato progresso militare e scientifico degli uomini.

Pur a fronte di una filmografia tanto vasta quanto in genere di qualità poco elevata, appetibile agli occhi dell'appassionato più che a quelli dello spettatore occasionale, il fenomeno cinematografico Godzilla continua a mietere un successo straripante. Ha ormai valicato i confini del grande schermo per approdare direttamente sulle sponde di altri media (televisione, fumetti, videogiochi). Il merito dell'iconica creatura giapponese, profondamente radicata nella cultura del suo popolo ma al tempo stesso in grado di conquistare le platee di tutto il mondo, risiede senza dubbio nella sua capacità di rinnovarsi senza mai venire meno alla propria tradizione fondativa. Il risultato è l'ennesimo trionfo di un mito che, se per un verso fornisce il pretesto per un intrattenimento piacevolmente fracassone, per altro verso non cessa di costituire un importante e attualissimo monito contro i pericoli della vanagloria umana.

di Davide Tecce
Ti piace questo articolo?
No
50 No
Condividi:
Lascia un commento a questo articolo.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo