Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Da Humphrey Bogart a James Woods: le passioni ludiche dei grandi attori

Inaccessibili icone del cinema, così distanti quando ci appaiono di fronte allo schermo eppure mai così umani come nelle loro passioni per il gioco.

Gioco e cinema si sono nutriti a vicenda nel corso dei decenni dando vita a pellicole cult entrate a far parte dell’immaginario collettivo. Pensiamo a quel capolavoro del 1981 che è Fuga per la vittoria, dove il calcio diventa strumento di libertà e rivincita di fronte all’oppressione insensata di una forza soverchiante. Un cast eccezionale e una partita indimenticabile giocata con vere star del calcio internazionale.

In tempi più recenti il videogame si è trasferito sul grande schermo diventando narrazione epica di mondi immaginari e lotte mitiche tra il bene e il male come in Warcraft - L'inizio, oppure avventura adrenalinica da action movie nella saga di Tomb Raider.
Foto Articolo
Il trait d’union di questi esempi è ovviamente il gioco, in tutte le sue declinazioni: da quelle amate dalla critica ai blockbuster di sala. Se le narrazioni cinematografiche, di gioco si sono nutrite, i protagonisti stessi di queste narrazioni hanno da sempre mostrato una debolezza per vari tipi di giochi che ce li fanno sembrare ben più umani di quanto possano apparire su di un tappeto rosso o davanti al grande schermo.
 
Una delle icone per eccellenza del cinema mondiale, mito incontrastato per un’intera generazione di spettatori che di cinema iniziava a nutrirsi è Humphrey Bogart.

Qualcuno farà fatica a ricordare il suo volto e ancora di più faticherà ad elencare almeno uno dei film che ha interpretato. Casablanca resta un capolavoro indiscusso di una delle prime star di Hollywood che fin dalla sua giovinezza ha nutrito una profonda passione per gli scacchi. Giocatore professionista e addirittura arbitro della USCF, Bogart ha sfidato i campioni dell’epoca, uscendone sconfitto, ma mai allontanandosi dal gioco che più ha amato nella vita.
Foto Articolo
Uno dei soggetti favoriti dal cinema hollywoodiano è sicuramente il poker e qui citare le pellicole che lo hanno visto protagonista richiederebbe più di una pagina. Matt Damon è l’attore che si è fatto interprete di una pellicola cult sul tavolo verde e lui stesso nutre una passione personale per il poker. Ha più volte partecipato ai tornei delle WSOP, il massimo evento internazionale di questo gioco, ricordandoci il personaggio di Mike McDermott in Rounders. In una delle scene più emblematiche di questa pellicola il protagonista sfida con un grandioso bluff il suo avversario John Malkovich, nascondendo fino all’ultimo una delle combinazioni più alte del gioco. La scala che ha in mano gli garantisce la vittoria con grande frustrazione del suo avversario.
 
L’indimenticabile attore, regista e sceneggiatore italiano Vittorio De Sica è stato un habitué dei casinò con la grazia e la signorilità che gli erano proprie. Giocava per divertirsi, spesso con l’amico Alberto Sordi. Celebri le sue avventure al tavolo verde risoltesi in vincite importanti come quella al Casinò di St. Vincent e non disdegnava neppure la regina per eccellenza dei giochi: la roulette.
 
Dall’Austria all’America passando per una carriera di bodybuilder professionista a quella di attore riconosciuto a livello internazionale. In questa avventura degna di una pellicola cinematografica, Arnold Schwarzenegger non ha mai abbandonato la sua passione per gli scacchi. Di certo fa sorridere vedere il protagonista della celebre saga di Terminator alle prese con torri e alfieri di fronte ad avversari molto più forti di lui.

Uno dei casi cinematografici del 2012 fu la pellicola statunitense Argo. Alla regia Ben Affleck, irriconoscibile come protagonista di un’avventura basata su fatti reali. L’attore statunitense non ha mai nascosto la propria passione per il blackjack e il poker frequentando spesso i casinò di Las Vegas. La star di Hollywood ha più volte partecipato a tornei internazionali di poker con prestazioni degne di un giocatore professionista. Di certo non è così scontato per un attore visto che la faccia da poker non basta per ottenere simili risultati.
 
Caso analogo quello di James Woods, uno degli attori preferiti dal visionario David Cronenberg. Il protagonista di una pellicola cult come Videodrome ha partecipato a tornei di poker ottenendo discreti risultati, perché alla fin fine queste icone dello star system per quanto ci appaiono distanti e inarrivabili amano giocare, proprio come ognuno di noi.

di Redazione
Ti piace questo articolo?
No
20 No
Condividi:
Lascia un commento a questo articolo.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


Dragon Ball Super: Broly

€1.667.054
Green Book

€1.084.075
Domani è un altro giorno
€706.326
Ancora auguri per la tua morte
€553.932
10 giorni senza mamma

€551.831
REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo