Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Saw - L'enigmista Approfondimento


Saw - L'enigmista Approfondimento

Vai alla scheda

Saw, la prima vera saga horror degli anni 2000

Terrorismo, paranoie e complottismo: in questo clima malsano James Wan e poi Darren Lynn Bouseman danno vita a un fenomeno culturale

Il genere horror è lo specchio dei nostri tempi, incarnazione e metafora delle nostre paure. Lo è sempre stato, nonostante nel corso dei secoli i linguaggi siano mutati, passando dai racconti della tradizione folkloristica ai grandi romanzi ottocenteschi, sino a trovare la propria incarnazione moderna nel cinema.

Di quanto l’horror sia duttile per poter fare denuncia sociale ne avevamo già parlato a proposito di Atroz, ma facendo un passo indietro, esaminando le produzioni da inizio millennio a oggi, è interessante (quanto sconvolgente) constatare come il genere abbia progressivamente abbandonato i suoi mostri classici – vampiri, licantropi, demoni – in favore di un sempre più esplicito e marcato tasso di violenza. Indice che nel nuovo millennio la cosa che più ci fa paura siamo noi stessi!
Foto Articolo
Non c’è più il “popolo unito” che fa fronte all’invasore straniero (sia esso marziano o comunista, che poi era pressoché la stessa cosa per i b-movie degli anni ’50) o al mostro di turno. Negli anni ‘80 la brava gente di Springwood arrivò a bruciare il bidello della scuola elementare accusato di molestare i loro figli, insabbiando poi il tutto nel nome del bene della comunità.

Ma i tempi sono cambiati e l’avvento del nuovo millennio ha portato con sé l’11 settembre, l’ombra del terrorismo con tutte le sue paranoie e i suoi complottismi (il terrorista potrebbe essere chiunque, anche il tuo vicino di casa): i video di Al Quaeda, le torture inferte dai soldati ai prigionieri di Abu Grahib e Guantanamo.

Tutto ciò ha avuto pesanti ripercussioni sulle masse, “donando” al mondo nuove paure da covare. In questo clima malsano e iper-violento è sbocciata la prima vera saga horror degli anni 2000: Saw.
Foto Articolo
Inizia il gioco
Ad Halloween 2004 arriva al cinema Saw – L’enigmista, film dell’allora esordiente James Wan, basato sull’omonimo cortometraggio girato da lui stesso l’anno precedente. Un film compatto, a tratti furbo, che di base non è nemmeno un horror, bensì un thriller “a tinte forti” con delle scene particolarmente spinte e un colpo di scena finale a dir poco spiazzante.

Per assurdo Saw – L’enigmista ha molto più a che spartire con Seven di David Fincher che con uno qualsiasi dei propri sequel. Le intenzioni stesse dei due killer, John Doe e Jigsaw, sono molto simili e affondano le proprie radici in argomentazioni religioso/esistenziali: da una parte i vizi capitali che condannano l’umanità a una vita di pena, dall’altra un malato terminale che mira a far apprezzare il dono della vita a chi sta sprecando la propria esistenza.
Foto Articolo
Realizzato con poco più di un milione di dollari, Saw – L’enigmista ne incassò più di 55 solo in patria, diventando uno dei maggiori successi della stagione, nonostante la critica non lo avesse apprezzato particolarmente. La vera consacrazione avvenne grazie al sapiente colpo di scena finale, che, ancora una volta, molto deve a Seven.

A sorpresa di tutti – suoi creatori compresi – Saw – L’enigmista si trasformò in un fenomeno al punto che, sebbene il finale girato da James Wan fosse abbastanza chiuso e autoconclusivo, le pressioni dei fan per mettere in cantiere un sequel si fecero asfissianti e la casa di produzione, ingolosita dai facili guadagni, le assecondò.
Foto Articolo
Il marchio di Bousman
James Wan si staccò dal progetto, rimanendo in veste di produttore, ma declinando sia la regia che la sceneggiatura del secondo capitolo. Alla guida del sequel subentrò Darren Lynn Bousman, regista pressoché esordiente (alle spalle aveva solo il mistery-drama Identity Lost) che capitò nel momento più opportuno, presentando allo studio una sceneggiatura scritta di suo pugno, The Desperate.

Si trattava di una storia molto violenta, con più di un punto in comune con il primo film della saga, perciò la Lionsgate colse l’occasione al volo e gli propose di rimaneggiare la storia per trasformarla in Saw II – La soluzione dell’enigma. Il film venne girato in meno di un mese e alla vigilia di Halloween del 2005 uscì nelle sale americane, inaugurando una vera e propria tradizione che sarebbe durata per i 5 anni successivi. Dal punto di vista commerciale, fu un successo anche maggiore del primo capitolo, ma venne stroncato dalla critica.

Determinante fu l’impronta registica impressa da Bouseman, che molto più di James Wan indugia con compiacimento su torture, dolore, sofferenza e splatter, brevettando una formula che il pubblico parve gradire molto e trasformando il torture porn in una metafora contemporanea.

di Marco Filipazzi
Ti piace questo articolo?
No
90 No
Condividi:
Lascia un commento a questo articolo.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo