Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Babbo Bastardo Speciale


Babbo Bastardo Speciale

Vai alla scheda

Se il Natale fosse un film: Babbo Bastardo, una risata scorretta in attesa che passino le Feste

C'è chi aspetta con ansia fiocchi di neve e abeti addobbati e chi proprio non li sopporta: per la seconda categoria di spettatori nel 2003 è arrivato al cinema Babbo Bastardo

Non amo il Natale. O meglio: non amo tutto ciò che comporta il Natale. Non amo i pranzi, i regali, gli alberi addobbati, la famiglia a Natale, i buonismi di Natale. Un'immersione nella retorica che disattende quello che dovrebbe essere il vero senso di questa festa: una sosta di raccoglimento spirituale, che potrebbe essere utilizzato anche da un non credente per fare i conti con se stesso e ritrovare quella serenità interiore necessaria per poter affrontare la vita in armonia con il mondo.

Al contrario, ogni anno che passa, vivo sempre più con fastidio e terrore l’avvicinarsi della fatidica data.

Il desiderio, purtroppo irrealizzabile per motivi ben facili da immaginare, sarebbe quello di chiudersi in casa, magari con la persona amata che la pensa come te, tenendo fuori dalla porta tutto ciò che ogni anno siamo obbligati a subire.
Foto Articolo
Unici generi di conforto: qualche buon libro e qualche bel film, non necessariamente a tema natalizio. O, magari, che affrontino il tema in maniera ironica e dissacrante. Come Babbo bastardo, che prende in giro il buonismo della festa più bella dell’anno raccontando le vicissitudini di due ladruncoli sfigati, un nano e un ubriacone, che riescono a farsi assumere da un Grande Magazzino per vestire i panni rispettivamente di un elfo e di un Babbo Natale che più sciamannato non si può immaginare.

Realizzato nel 2003 da Terry Zwygoff e presentato al Festival di Cannes, il film vede come produttori esecutivi niente meno che i fratelli Joel ed Ethan Coen.
Foto Articolo
Protagonista principale è uno strepitoso Billy Bob Thornton nei panni di Willie, un Santa Claus che beve, fuma, ama il sesso promiscuo e detesta i bambini. Sino a quando Thurman, un ragazzino di otto anni, obeso e apparentemente ritardato, non gli insegnerà qual è il vero significato del Natale.

Babbo bastardo è una commedia nera che accantona senza paura il politically correct giovandosi di una sceneggiatura (opera di John Requa e Glenn Ficarra) scoppiettante, con battute pungenti e irriverenti. Certo: c’era il rischio concreto che il finale potesse rovinare tutto quanto di buono c’era stato in precedenza; ma, per fortuna, nonostante la svolta edificante di Willie, non si cade mai nel sentimentalismo.

Se non lo avete mai visto, ascoltate il consiglio: recuperate e godetevi Babbo bastardo. Se invece già lo conoscete, rigodetevelo in questo periodo prenatalizio.

Al termine acquisterete anche la forza di guardare fuori dalla finestra senza provare il solito malessere per il fastidioso pupazzo vestito da Babbo Natale che, ogni anno, il vostro altrettanto fastidioso vicino appende fuori dal balcone. E poi, coraggio, il tutto dura poco meno di un mese!

di Marcello Perucca
Ti piace questo articolo?
No
30 No
Condividi:
Lascia un commento a questo articolo.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo