LOGIN
cerca
Ricerca avanzata
Profilo
Messaggi

Logout
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

home video

Recensioni DVD Recensioni Blu Ray

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus
Vai alla scheda

Se il Natale fosse un film: L’amore non va in vacanza, una commedia romantica sotto l’albero

Cameron Diaz e Kate Winslet sono protagoniste di una delle commedie natalizie più amate degli ultimi anni, da vedere e rivedere, in compagnia di una fetta di pandoro

Il Natale è un lusso: apprezzarlo, capirlo e arrivare ad avere quello che i più chiamano “spirito natalizio”, è una ricchezza che alcuni bramano e altrettanti cercano. Non sopporto quelli che addobbano casa prima dell’8 dicembre, semplicemente perché mi viene l’ansia al solo pensiero di ritrovarmi in mezzo ad alberi e pungitopo neanche fossi Terence Hill quando fa la guardia forestale: A un passo dal cielo, o dal diabete.

Il Natale è un pretesto per mangiare, dice qualcuno. Ma le ricche scorpacciate non sono solo di cibo, ma anche di film: che poi le due cose – durante le festività – sono correlate. Dopo la terza-quarta portata, finiti gli antipasti, i due primi, il secondo, l’insalata di rinforzo – che depura, anche se dentro ci metti i rimasugli del pandoro con la Nutella preparato settimane prima – e il dolce, non puoi metterti a giocare a carte o a tombola.

Ci sono eroi che lo fanno, a cui andrebbe data una targa: perché la vera magia natalizia è riuscire a ricordarsi numeri e simboli, facendo calcoli subito dopo aver ingerito la qualunque senza il minimo ritegno.
Foto Articolo
Ma io faccio parte di quella schiera di intellettuali che – durante la maxi tombolata di famiglia – sta comodamente sul divano e, tra gli schiamazzi e le urla generate da una quaterna inaspettata, si eleva dicendo a caso: «È uscito il 23? ».

Senza motivo, né tantomeno alcun senso, proprio come certe reunion familiari. Quindi, meglio una bella favola. Che aiuta anche a digerire.

Sky, in questo, aiuta moltissimo: con un tocco, dal divano, sembra di essere al cinema. Allora, in questa sala improvvisata, dove al posto dei pop-corn ci sono i canditi, casualmente – da anni – mi imbatto sempre nella stessa opera cinematografica: L'amore non va in vacanza. Il titolo italiano sembra più una minaccia che una consolazione, ma l’assurdità e il romanticismo che c’è nello scambiarsi inconsapevolmente case e abitazioni, durante le festività natalizie, proprio come succede a Cameron Diaz e Kate Winslet, non ha eguali.
Foto Articolo
Le protagoniste, Amanda Woods e Iris Simpkins, decidono di dare un taglio netto col passato e rinascere dal punto di vista sentimentale partendo da un imprevisto. Il fattore di rinascita e casualità ben si sposa col Natale, periodo in cui, per forza di cose, ci si ritrova a tirare le somme di un anno che volge al termine.

Pochi giorni più tardi sarà Capodanno – altra fonte di ansia e tristezza celata da effimero divertimento improvvisato – e ci si comincia a chiedere come sia andata. Che anno è stato? Cosa ho fatto? Cosa posso fare per rendere il futuro migliore?
Foto Articolo
Queste domande la regista Nancy Meyers le pone delicatamente, e con un piglio d’umorismo che lascia spazio al romanticismo. Il ruolo più divertente di questa commedia sentimentale è affidata a Jack Black – che non è solo quello di School of Rock – sempre credibile e spontaneo. L'amore non va in vacanza diverte, emoziona. Dimostra come si possa ripartire sempre e comunque: asciugando le proprie lacrime, quando la nostra anima è pronta, anche dopo una tempesta. In tal caso di neve.
Foto Articolo
Trovarsi accanto alla persona giusta fa sì che sia sempre Natale, o quantomeno ci sia sempre quella magia che ritroviamo nei giorni di festa. Quelli che non vedi l’ora che arrivino e, mentre li stai vivendo, vorresti finissero subito.

Perché, per alcuni, abituarsi alla felicità potrebbe essere una consuetudine troppo rischiosa e destabilizzante: «Noi siamo le vittime dell'amore unilaterale. Noi siamo i disgraziati fra gli innamorati, i non amati, i feriti in grado di camminare, gli handicappati senza il parcheggio riservato».

di Andrea Desideri
Ti piace questo articolo?
No
60 No
Condividi:
Lascia un commento a questo articolo.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo COMMENTA
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

Effettua il login

Username
Password


RegistratiPassword dimenticata
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo