Ricerca avanzata
Film Serie TV

film

Al cinema Prossimamente Tutti i film Recensioni Film Recensioni Film Utenti

serie TV

Tutte le serie Recensioni serie

articoli

News Approfondimenti Editoriali
facebook twitter google plus

Good Bye Lenin! Approfondimento


Good Bye Lenin! Approfondimento

Vai alla scheda

Good Bye Lenin: perchè oggi è ancora un cult

Il film di Wolfgang Becker torna in sala per i 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino

In occasione del trentennale della caduta del Muro di Berlino, il 5 e 6 novembre torna al cinema il cult tedesco Good Bye Lenin!: il film del 2003 è diretto da Wolfgang Becker e interpretato da un giovanissimo e irriverente Daniel Brühl. Un’opera che con estrema ironia riesce a narrare uno dei più importanti avvenimenti storici del secolo scorso, attraverso un delicato periodo di passaggio.

Per tutti quelli che sono nati attorno all’anno della caduta del muro di Berlino, 1989, Good Bye Lenin! è stato cult. Ma il film parla ancora di più non solo a chi ha vissuto il crollo del muro ma anche a coloro che ne hanno visto la costruzione e tutte le vicende storiche a esso legate.
Foto Articolo
È proprio questa la forza dell’opera di Becker: parlare di fatti epocali con un'ironia graffiante e un punto di vista originale, che rendono la storia più vicina a tutti noi. È soprattutto la giovinezza ciò che il film celebra, il cambiamento e l’inizio di un nuovo mondo: ed proprio ciò che si respirava quando il muro, il 9 novembre 1989, è crollato.

La storia di Alex è diversa rispetta a quello dei suoi coetanei.

Qualche giorno prima che il muro crolli, sua madre ha un malore e finisce in coma. Si risveglia solo dopo la caduta del muro, ma non può essere messa a conoscenza di questo fatto, poiché troppo traumatizzante: metterebbe a rischio la sua salute e la sua vita. Così Alex mette in scena una micro-Germania socialista nella camera della madre e la quotidianità sovietica, compresi cibi e bevande ormai sono divenuti introvabili, torna a essere protagonista.
Foto Articolo
Una trovata geniale quella che sta alla base della sceneggiatura di Good Bye Lenin!, per fare comprendere a chi non ha vissuto la DDR cosa questa significasse. E così, mentre Alex ricerca pezzi del passato, anche noi scopriamo cosa voleva dire essere un cittadino della Germania Est.

Tornando al cibo, il tormentone del film sono i cetriolini dello Spreewalt, di cui la madre di Alex è ghiotta: ormai divenuti introvabili, divengono l'ossessione del protagonista per tutto il film. Sono diventati talmente diventati famosi che, dopo l'uscita di Good Bye Lenin!, i sottaceti Spreewalt hanno ottenuto il marchio DOC, convincendo i giudici della necessità di mettere fuorilegge gli imitatori. Ciò la dice lunga sull'impatto di questo film.

di Samantha Ruboni
Ti piace questo articolo?
No
00 No
Condividi:
Lascia un commento a questo articolo.

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
COMMENTA
Lascia un commento in risposta a .

Per evitare lo spam i commenti anonimi sono soggetti a moderazione e verranno pubblicati solo dopo essere stati controllati. Per commentare immediatamente effettua il login.

Login Registrati
RISPONDI
Spiega il motivo della segnalazione:
Spam
Insulti
Altro, specificare:
SEGNALA

Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo COMMENTA

Warning: max(): When only one parameter is given, it must be an array in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 31

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.silenzioinsala.com/home/side_cover2.tpl on line 33
REGISTRATI LOGIN

TROVA CINEMA


Città

Includi provincia

Tutti i film
Film specifico

BOX OFFICE


REGISTRATI

LOGIN

Password dimenticata?

oppure

Entra con Facebook
Silenzioinsala.com utilizza i cookies per personalizzare e migliorare l'esperienza degli utenti.
Leggi la dichiarazione sulla privacy per saperne di più.
Sono d'accordo