facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Sin City

03/29/2008 11:00

Ivan Zulberti

Recensione Film,

Sin City

Un primo passo verso un nuovo tipo di cinema

1221-.jpeg

Un primo passo verso un nuovo tipo di cinema. L’apertura verso qualcosa di innovativo e rivoluzionario. La definitiva fusione fra noir e pulp. A Sin City si intrecciano struggenti e scioccanti storie di violenza e d’amore che fanno ribollire di sangue, odio e passione le strade della più crudele delle città.


La sensazione che si respira, alla visione del film, non è di un semplice adattamento dal fumetto. L’opera di Robert Rodriguez, semplicemente, è il fumetto. Cineasta dall’andamento altalenante, Rodriguez è affiancato dietro la macchina da presa da Frank Miller e Quentin Tarantino. Se la presenza di quest’ultimo è evidente, non solo nell’unica scena da lui girata - quella del dialogo in macchina fra Clive Owen e Benicio Del Toro – ma in ogni secondo del film in cui si respira aria di pulp, è la mano del geniale graphic novelist a firmare ogni sequenza. È Miller a dare alla pellicola quella marcia in più che distingue una buona produzione da un capolavoro, il solo a saper caratterizzare l’ampia galleria di personaggi da lui inventati ed entrati nell’immaginario di milioni di spettatori, l’unico capace di ricreare dialoghi da cardiopalma - con una traduzione italiana finalmente all’altezza delle aspettative - che rispettino pedissequamente le strisce. Anche tecnicamente parlando, il film è un gioiello. Un bianco e nero contrastato, reso brillante dall’uso pervasivo del digitale, unito a pennellate saltuarie di colore capaci di caricare di significato tanti piccoli dettagli.


Il cast è di primo livello, ma non solo per i grandi nomi. I personaggi restano nella mente, le loro azioni si stagliano indelebili nella memoria. Mostri sacri come Mickey Rourke - che nella parte del cerottato Marv ci regala una delle perle della sua lunga carriera – ma anche giovani attori come Elijah Wood, qui alle prese con il ruolo di un assassino cannibale che non sembra avere nulla di umano e che, anche al momento della morte, continua a turbare e sconvolgere lo spettatore col suo ghigno agghiacciante. La violenza è tanta ma, anche nelle scene splatter, mai fine a sè stessa, È la Sin City forgiata da Miller, dove il sangue scorre a fiumi: rosso, come quello degli eroi incorruttibili e dal cuore puro; scuro, nelle vene dei malvagi antagonisti.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder