facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Batman: Il mistero di Batwoman

06/05/2008 10:00

Vito Sugameli

Recensione Film, Batman, dccomics, batman animated,

Batman: Il mistero di Batwoman

Batman alle prese con una sosia femminile piena di fascino

1951-.jpeg

Dopo cinque anni dallo splendido Batman & Mr. Freeze: Subzero - se escludiamo le apparizioni della serie gemella ambientata nel futuro - Warner Animation lancia il suo nuovo progetto animato dedicato alle nuove avventure del cavaliere oscuro. Alla guida di questo spin off troviamo Curt Geda, già regista e responsabile in passato di serie animate dedicate al pipistrello.


La trama pone lo spettatore dinnanzi a tre super criminali: il Pinguino, Bane e il mafioso Rupert Thorn. Il loro obiettivo è vendere armi illegali ai migliori offerenti. Ma a Gotham City sorge un nuovo supereroe pronto a combattere i malvagi: Batwoman. Con l'impiego di congegni segreti e altamente tecnologici, Batwoman dimostrerà di saper fronteggiare il crimine organizzato. L'unico problema è che Batman non conosce la sua vera identità. Si tratta dunque di un nuovo un alleato o di un nemico i cui doppi fini non sono ancora chiari?


Dopo le incursioni nel futuro (Batman of the Future) e le pellicole cinematografiche aperte ad un ricercato modernismo scenografico (Batman begins), Il mistero di Batwoman compie un rewind nostalgico, proponendo un format classico ma vincente. Già dalle prime battute si denota una cura certosina nei disegni, molto vicini alla spigolosità dei tratti e alle atmosfere cupe e gotiche della serie animata degli anni novanta. Qui Bruce Wayne abbandona i problemi legati allla doppia personalità, estremizzando contemporaneamente il suo aspetto da donnaiolo incallito. Meno psicologia e più azione: la ricetta offerta da Curt Geda è intrattenimento senza pretese. Le animazioni sono rifinite, la storia intrigante - su sceneggiatura di Alan Burnett - e le musiche orecchiabili (in particolare la canzone originale Betcha never composta dal trio Dave James, Alan Ross, Natasha Beddingfield e cantata da Cherie). Unico neo dell'edizione italiana è l'adattamento - molti dialoghi sono stati completamente riscritti - facilmente aggirabile visionando il lungometraggio in lingua inglese, per poter valutare l'ottimo doppiaggio, in particolare il timbro cavernoso e profondo di Kevin Conroy, voce ufficiale del cavaliere oscuro dal 1993 (Batman: La maschera del fantasma).


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder