facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Ti stimo fratello

03/07/2012 11:00

Martina Calcabrini

Recensione Film,

Ti stimo fratello

Dopo il successo del collega Checco Zalone, un altro comico del cabaret di Zelig tenta il colpaccio approdando al cinema...

16801-.jpeg

Dopo il successo del collega Checco Zalone, un altro comico del cabaret di Zelig tenta il colpaccio approdando al cinema. Giovanni Vernia, giovane ingegnere elettronico, ha lasciato un lavoro sicuro e redditizio per dedicarsi alla sua passione più grande: recitare. Nel 2008 si fa notare in Zelig-Off e il suo personaggio, Johnny Groove diventa ben presto uno dei preferiti del programma televisivo. Dopo 3 anni di duro lavoro, Vernia si improvvisa attore cinematografico, co-regista e co-sceneggiatore (insieme al collega Paolo Uzzi) e porta al cinema Ti stimo fratello, un film talmente personale da non poter essere affidato alla regia di un professionista esterno alla vicenda.


Giovanni si è laureato in ingegneria elettronica con il massimo dei voti ma, nonostante le proprie doti intellettuali, non riesce a trovare lavoro. Incontratosi casualmente con Federica, una facoltosa figlia di papà, Giovanni viene assunto come pubblicitario. Proprio quando la sua vita inizia a stabilizzarsi, il fratello gemello Johnny arriva a Milano per sostenere l’esame alla Guardia di Finanza. Il ragazzo, invece di studiare, passa le serate diviso tra il Gilez, il famoso locale house della città, e la devastazione completa della vita di Giovanni.


Il riferimento a È arrivato mio fratello di Castellano e Pipolo salta immediatamente agli occhi. Certo, Vernia non è Pozzetto: i suoi personaggi non sono ben costruiti come quelli del comico lombardo e le gag sono di natura completamente differente. Giovanni Vernia, prendendo ispirazione da avvenimenti della propria vita, ha cercato di raccontare la sua, attraverso usi e costumi di un Italia sull’orlo di una crisi di nervi. Da una parte, dunque, il fratello buono, intelligente e fortunato, dall’altro lo scemo del villaggio, l’idiota, il sempliciotto. Due gemelli identici solo nei tratti fisiognomici - ma non nel look - che hanno bisogno l’uno dell’altro per completarsi. Giovanni ha dimenticato il valore degli affetti e Johnny ha smarrito quel briciolo di responsabilità che probabilmente non aveva mai personalmente posseduto. Sullo sfondo, un paesaggio urbano - non civile - completamente indifferente ai piccoli grandi problemi della vita. Sebbene i fan di Johnny Groove e del suo tormentone “Essiamonoi!” apprezzeranno la trovata (e lo sforzo) di Vernia, non potranno fare a meno di ammettere che il divertimento svanisce presto. Ripetizioni, ridondanze e storpiature rendono Ti stimo fratello una pellicola parzialmente spassosa ma monocorde.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder