facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Il primo uomo

17/04/2012 10:00

Aurora Tamigio

Recensione Film,

Il primo uomo

Algeria, anni ’50...

17421-.jpeg

Algeria, anni ’50. Jean Cormery (Jacques Gamblin), scrittore affermato, ritorna nell’originaria Algeria per rendersi partecipe del clima di contestazione che regna nel paese africano. Una volta a destinazione però Cormery si rende conto che la guerra contro i francesi è già scoppiata ed è più dura di quanto egli stesso pensasse. Vedere la propria terra lacerata dagli scontri porterà lo scrittore a tornare indietro con la mente, fino alla propria infanzia, tra la povertà, l’assenza del padre - morto nella Grande Guerra -, l’astio verso la nonna (Ulla Baugué), l’amore sconfinato per la coraggiosa madre (Maya Sansa/Catherine Sola).


Accade ogni tanto nel cinema che, lontano dalle politiche del box office, in lizza per festival cinematografici d'oltreoceano, dalla macchina da presa di un autore nasca un film eccezionale. È il caso de Il primo uomo di Gianni Amelio, premio FIPRESCI al Toronto Film Festival e nonostante tutto destinato ad uscire nelle sale italiane in appena 70 copie. Cecità della distribuzione o desiderio di preservare dal marketing una pellicola colta e di grande raffinatezza. Quel binomio che si legge sopra il titolo, “Amelio/Camus”, non è solo una dichiarazione di appartenenza - della sceneggiatura del film - all’ultimo racconto dello scrittore de La peste, ma una firma che Amelio giudica indispensabile.


Il primo uomo di Albert Camus uscì postumo nel 1994, incompleto e autobiografico romanzo dell’infanzia algerina dello scrittore. Amelio riprende quel racconto, abbandonando gran parte del drammatismo che aveva caratterizzato in passato alcune sue pellicole meno fortunate, e - condizionato da una lettura intensiva e profonda dello scrittore franco-algerino - traccia un affresco veritiero, poetico, onesto dell’Algeria dell’indipendenza. Non di sola letteratura però è fatta la poesia. Per raffigurare la terra d’origine del protagonista, il regista ha voluto con sé la fotografia di Luca Bigazzi, a ristabilire un sodalizio già fortunato in pellicole come Lamerica e Le chiavi di casa. Le interpretazioni sono affidate ad un grande protagonista, Jacques Gamblin – pupillo di Lelouche – e ad alcuni interessanti comprimari, come la nostra Maya Sansa (la madre di Jean, da giovane), poco presente sugli schermi ma apprezzata per fortuna dal cinema italiano che conta. Il primo uomo è una pellicola della memoria, in cui il protagonista approfitterà del cambiamento del suo paese per indagare la propria maturità e scoprire, come già gli aveva insegnato in gioventù il professeur Bernard, che «Un bambino è il germoglio dell'uomo che diventerà».


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder