facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Frankenstein di Mary Shelley

11/05/2013 11:00

Maurizio Encari

Recensione Film, Horror, frankenstein,

Frankenstein di Mary Shelley

1794, Polo Nord...

24151-.jpeg

1794, Polo Nord. Una spedizione si imbatte in un uomo in fuga da, quel che questi ritiene, una terribile minaccia. Egli si chiama Victor Frankenstein, e comincia a raccontare al capitano della nave la sua triste e incredibile storia. Diversi anni prima Frankenstein, in seguito alla dolorosa morte della madre, perita nel dare alla luce il suo fratello minore, si era interessato anima e corpo alla possibilità di sconfiggere per sempre la morte. Durante i suoi esperimenti, ossessionato dall'idea dell'immortalità, aveva perso il senno e tentato l'inimmaginabile: creare la vita assemblando parti di cadaveri. Riuscito nella sua folle impresa, Victor si accorse però di aver dato alla luce una creatura mostruosa, e quindi abbandonata, scacciata e in perenne fuga a causa del suo aspetto. E quando il mostro scoprì infine l'identità del suo creatore, per Frankenstein, nel frattempo in procinto di sposarsi con Elizabeth, amata fin da bambino, la vità divenne un vero e proprio inferno.


Francis Ford Coppola aveva dato il via, due anni prima, al ritorno in grande stile al cinema dei classici dell'orrore, proponendo una versione gotica e sontuosa di Dracula. Nel 1994, forse titubante di mettersi nuovamente alla regia per un altro caposaldo, sceglie di affidare a Kenneth Branagh la regia di una nuova versione del Frankenstein di Mary Shelley. Considerato ormai il degno erede di Laurence Olivier, e prima della sua sontuosa e potente versione dell'Amleto, Branagh veniva dal successo di critica, oltre che dell'entusiasmante debutto con Enrico V, di un'ennesima trasposizione del Bardo inglese, Pene d'amor perdute. Scelto per sé il ruolo principale, il regista affida la fondamentale figura del mostro a un nome di prima importanza come Robert de Niro, e circondandosi di attori eccelsi come Helena Bonham Carter, John Cleese e Ian Holm.


Elegante e vibrante, in pieno stile Branagh, Frankenstein di Mary Shelley è un'opera che non lesina in sequenze disturbanti (in Italia il film è stato vietato ai minori di 14 anni) e che, pur sfiorando gli eccessi, riesce sempre a mantenersi, seppur in bilico, su un certo equilibrio narrativo/visivo di indubbio fascino. Coraggiosa e ispirata anche nelle sue non invisibili imperfezioni, la pellicola è pregna di una forza imponente che si eleva sia nel comparto tecnico, con una fotografia che gioca sulle tonalità dei colori e dei contrasti, e una colonna sonora magniloquente che ben immerge nelle atmosfere ottocentesche del racconto. Altro punto di forza è la sceneggiatura, affidata ad un veterano nonché noto e apprezzato regista come Frank Darabont (Le ali della libertà, Il miglio verde), che benché guardi con rispetto al testo originale, si distacca in diverse occasioni, puntando su un sapore grandguignolesco che restituisce al pubblico una nuova e particolare versione della storia, con un finale in grado di stupire lo spettatore. Ottima la prova attoriale, soprattutto da parte dei due personaggi principali: Branagh riesce a creare una figura credibile di un uomo diviso tra la sete di conoscenza e l'ossessione di sconfiggere la morte e l'amore per l'amata Elizabeth, mentre de Niro, su cui è stata cucita una versione della creatura più umanizzata e fedele al romanzo, riesce a risultare intenso e sofferto anche sotto l'inquietante trucco.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder