facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Carrie - Lo sguardo di Satana

01/08/2014 11:00

Marco D'Amato

Recensione Film,

Carrie - Lo sguardo di Satana

Il complimento migliore che si possa fare a Carrie è che fu il trampolino di lancio per la carriera di tale Brian De Palma: prima di questo lavoro il regista di

25171-.jpeg

Il complimento migliore che si possa fare a Carrie è che fu il trampolino di lancio per la carriera di tale Brian De Palma: prima di questo lavoro il regista di Newark era solo un giovane di belle speranze, solo dopo divenne uno dei filmaker più apprezzati e ricercati di Hollywood. Carrie rappresentò uno spartiacque anche nella carriera di Stephen King che scrisse l’omonimo romanzo (il primo della sua sterminata produzione letteraria) da cui è tratto il film: il successo planetario della trasposizione cinematografica lo lanciò nell’olimpo della letteratura americana, inaugurando anche la sua decennale collaborazione con Hollywood, che ha saccheggiato un numero incredibile di suoi lavori.


Carrie White (Sissy Spacek) frequenta l’ultimo anno delle superiori: timida, impacciata, introversa, è lo zimbello delle sue compagne di classe che ne fanno la vittima preferita delle loro angherie. La vitalità di Carrie e la sua voglia di uscire dal guscio sono frustrate da una madre bigotta (Piper Laurie) vittima di un integralismo religioso che le ottenebra la mente, completamente ossessionata dal peccato. L’unico appoggio Carrie lo trova in Miss Collins (Betty Buckley), l’insegnante di educazione fisica che cerca di proteggerla dalle continue soverchierie delle compagne, capeggiate da Chris (Nancy Allen). Quando l’alterazione mentale di Carrie e la sua frustrazione raggiungono l’apice, la ragazza manifesta incredibili poteri di telecinesi riuscendo a spostare oggetti con la sola forza del pensiero. Quando la compagna di classe Sue (Amy Irving) si pente del suo comportamento e convince il suo fidanzato Tommy (William Katt) ad accompagnare Carrie al ballo di fine anno, la ragazza riesce ad essere sé stessa e a passare una serata magica... fino a quando sarà vittima dell’ennesimo terribile scherzo ordito da Chris. La devastante vendetta di Carrie non risparmierà niente e nessuno.


Il sottotitolo italiano - lo sguardo di Satana - rimanda a un filone horror che in realtà non è che un flebile sottotesto: il vero orrore è nell’accanimento senza pietà per il diverso, per l’obnubilamento a cui porta il fanatismo (la madre) e nel terribile passaggio tra l’adolescenza e l’età adulta, colmo di paure, insicurezze e traumi che Carrie è costretta ad affrontare completamente da sola. La scena iniziale della doccia dopo la partita di pallavolo è rimasta nella storia: Carrie da sola sul fondo della stanza mentre le compagne si divertono e chiacchierano muovendosi al rallentatore, a sottolineare l’enorme distanza tra loro e Carrie, terrorizzata dalle sue mestruazioni e derisa da tutti. Sfoggio di tecnica applicata al contesto emotivo, tra carrellate e piani sequenza, inquadrature dall’alto e dal basso a sottolineare il movimento degli oggetti posseduti da Carrie (la scena del posacenere a scuola). Prova mostruosa della Laurie e della Spacek che furono entrambe candidate all’Oscar: quest’ultima lo vinse quattro anni dopo e grazie a Carrie si affermò come una delle migliori attrici contemporanee. L’idea di ambientare un film di genere all’interno di un liceo farà rapidamente scuola e gli epigoni saranno numerosissimi; consegnata alla storia anche la scena finale: la musica, il modo di camminare della ragazza, i colori lasceranno il segno sul cinema horror degli anni seguenti.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder