facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

La leggenda di Kaspar Hauser

05/17/2014 10:00

Martina Calcabrini

Recensione Film,

La leggenda di Kaspar Hauser

Ci sono leggende che sembrano ideate apposta per stuzzicare l’estro creativo degli sceneggiatori...

26861-.jpeg

Ci sono leggende che sembrano ideate apposta per stuzzicare l’estro creativo degli sceneggiatori. Quella di Kaspar Hauser ha tutte le carte in regola per far parte della schiera: posti indefiniti, personaggi ambigui e un alone di mistero destinato a circondarla per sempre. Il regista Davide Manuli (Beket), affascinato dalla disorientante stravaganza dello sconosciuto protagonista, realizza La leggenda di Kaspar Hauser, una pellicola claustrofobica e surreale che porta in scena il teatro dell'assurdo.


Strade deserte, case disabitate, silenzio assordante. Lo sceriffo (Vincent Gallo) e il pusher (sempre Gallo) di una sconosciuta isola al centro del Mediterraneo, passano il tempo a sfidarsi a ritmo di danza. La loro monotona esistenza viene improvvisamente sconvolta dall’arrivo del corpo di un giovane apparentemente morto. Il ragazzo, dopo qualche tempo, riprende vita, inizia ad articolare qualche parola e comincia a fare miracoli. La Granduchessa (Claudia Gerini), allora, da sempre sovrana incontrastata del luogo, gelosa dell'ascendenza che egli ha sugli isolani, incarica il pusher di indagare sulla sua identità. Nonostante molti lo ritenessero un santo, altri un impostore, nessuno seppe mai chi era davvero Kaspar Hauser (Silvia Calderoni).


Una scolorita fotografia in bianco e nero, sbilenca e opaca, immortala la monotonia che incombe sull’isola, luogo maledetto in cui personaggi ambigui, strani e deformi passano le loro giornate ad ascoltare il rumore delle onde del mare, cercando conforto alla loro tristezza. L’assordante silenzio che li circonda finisce ben presto per sovrastarli e per relegarli negli anfratti bui e polverosi delle loro dimore. Solo quando il corpo di un uomo semi avvolto in uno sgualcito sudario viene abbandonato sulla spiaggia come un montaliano osso di seppia, le loro esistenze vengono rianimate e riabilitate. Indecisi sull’effettiva importanza del ragazzo, a metà tra un dio e un moribondo, gli isolani lo incatenano, lo ingabbiano e lo obbligano a realizzare miracoli per scoprire la sua identità. I lunghi piani sequenza che riprendono la vicenda, animata soltanto dalla musica elettronica di Vidali, combaciano con il punto di vista di un esterno narratore onnisciente che sembra egli stesso ipnotizzato dalle pose statuarie dei personaggi e dall'immobilità del loro mondo. Il regista, scegliendo di dividere la storia in capitoli, ne esaspera il ritmo monotono e monocorde, portando lo spettatore ad estraniarsi dalla vicenda. Piuttosto che un documentario su uno spaccato di vita esemplare o una riflessione sulla difficoltà di comunicazione, dunque, La leggenda di Kaspar Hauser si limita a svuotare qualsiasi esistenza del suo reale significato.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder