facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Stelvio - Crocevia della Pace

10/12/2014 10:00

Riccardo Cotumaccio

Recensione Film,

Stelvio - Crocevia della Pace

Il paradiso terrestre nel cuore delle Alpi italiane

28491-.jpeg

Stelvio crocevia della pace è il primo docu-film che vede il grandioso massiccio montuoso – sito a nord-ovest del Trentino Alto Adige – come protagonista. A dirigerlo Alessandro Melazzini, giornalista e produttore fondatore della Alpenway Media Production. Quello sullo Stelvio, per lui è il terzo documentario dopo le esperienze di Monaco, Italia - Storie di arrivi in Germania e Come un fiume - The Ska faces.


A 3000 metri di altezza, nel cuore delle Alpi italiane, si immola quello che per molti è un paradiso terrestre, quasi intoccabile per la sua straordinaria bellezza. Proprio lì, sullo Stelvio, si incrociano non solo presente e passato, ma anche storie incredibili, avvenute in tempi di guerra e sinonimo di grande storia contemporanea. Basti pensare al Passo dello Stelvio, il valico automobilistico più alto d’Italia (e il secondo in Europa) costruito dall’Impero Asburgico nel 1825. Lo stesso valico dove, in tempi più recenti, Fausto Coppi conquistò la maglia rosa vincendo quello che sarebbe stato il suo quinto ed ultimo Giro d’Italia. Storia a parte, del rilievo impetuoso è il presente ad imprimere grandi emozioni. Il bianco nella neve, l’emozione di chi racconta la montagna, di chi la vive, di chi ne è in un certo qual modo figlio: nel documentario di Melazzini c’è tutto questo. Anche se sembra improbabile commuoversi per una montagna, dello Stelvio si parla quasi come fosse un grande padre silente che osserva solo per aspettare d’essere vissuto.


Si sa che ad avere la natura dalla propria parte, è più facile fare un bel film. Eppure, come in ogni grande pellicola, la bellezza va saputa valorizzare. Alessandro Melazzini, nel suo terzo documentario, riesce a farlo in maniera pregevole, regalando al pubblico riprese esaustive di un luogo incantato e pregno di storia, di sofferenze ma anche di sfide: quelle dei militari, nel corso della Grande Guerra, o quelle dei sognatori, coloro che lo Stelvio l’hanno scalato. L'imponente massiccio è l’assoluto protagonista del film il cui obiettivo è raccontare le storie che hanno reso la montagna così importante da darle quasi un’anima. La natura parla attraverso i suoi protagonisti: gli uomini. Melazzini è abile nel raccogliere le vicende di ogni giorno, fondendole con le storie scritte sui libri di storia. E non è facile se non hai Hollywood alle spalle. Ecco perché a iniziative simili, specie se girate con consapevole esperienza, va sempre riservato un plauso particolare.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder