facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Io sto con la sposa

10/17/2014 10:00

Aurora Tamigio

Recensione Film,

Io sto con la sposa

Un film che ha mosso le coscienze e che ha saputo trovare il linguaggio giusto per parlare al pubblico più disparato

28561-.jpeg

Girato lungo l’Europa, concepito per la gente e finanziato dal basso, Io sto con la sposa è il risultato di un’imponente campagna di crowdfunding nata sul web: quasi centomila euro raccolti e duemilaseicento founders provenienti da trentotto paesi in tutto il mondo. Un film che ha mosso le coscienze e che ha saputo trovare il linguaggio giusto per parlare al pubblico più disparato, che da internet è diventato quello del Festival del Cinema di Venezia.


Un poeta siriano, un regista e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa, in fuga dalla guerra e desiderosi di raggiungere la Svezia. Decidono di aiutarli a compiere il loro viaggio clandestino inscenando un finto matrimonio: trovata la sposa, gli invitati e messa in piedi una festa nuziale, il corteo attraverserà l’Europa alla volta di Malmö.


Il progetto Io sto con la sposa è un’ambizione umanitaria contaminata da molte idee e numerosi generi. L’utopia di un’Europa libera dai vincoli anticlandestinità, la gabbia dorata in cui il vecchio continente chiude le sue frontiere e i suoi occhi alla fuga di migliaia di esseri umani dalla guerra e verso la vita; il racconto - ricostruito in presa diretta - di un viaggio di tremila chilometri dall’Italia alla Svezia che mantiene in seno la drammaticità di una fuga avventurosa; l’intuizione democratica che sia il pubblico a finanziare il film che vuole vedere in sala. Collante di questi coraggiosi spunti diviene un genere ibrido che, dall’inchiesta alla narrativa di viaggio, viene adattato alla Settima Arte dando vita a un documentario che in realtà di cinematografico ha ben poco. Senza nulla togliere al corposo soggetto del film di Gabriele Del Grande (giornalista), Khaled Soliman Al Nassiry (poeta) e Antonio Augugliaro (regista) – il cui valore umano non solo è palese ma anche oggetto di dissertazione più universale che artistica – l’idea di un finto corteo, che mascheri i profughi in fuga nell’evasione da una terra assediata, è tutt’altro che nuova. Nel 2013 Argo di Ben Affleck vinceva il Premio Oscar per la vera storia del Canadian Caper - la più incredibile operazione di espatrio statunitense di tutti i tempi - messo in atto alla fine degli anni Settanta per ricondurre a casa alcuni cittadini americani rimasti intrappolati in Iran, camuffandoli da troupe cinematografica di un finto film di fantascienza. È vero, quella era solo fiction, mentre Io sto con la sposa è il reportage di un viaggio clandestino e pericoloso che tuttavia, rispetto a una più convinta opera cinematografica, presenta tutti i difetti della documentaristica ibrida. Nonostante la forma originale e qualche invenzione mediterranea alla Emir Kusturica, nel film c’è retorica, personaggi stereotipati e lentezze solo in parte compensate da una scrittura curata. Il modello dell’on the road è tradito dalla verbosità eccessiva dei personaggi, dal loro soffermarsi didascalicamente davanti a una macchina da presa indecisa che, per quanto desiderosa di ribellione, finisce per tracciare un film cinematograficamente più ordinario di quanto sperato.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder