facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Come ammazzare il capo 2

01/15/2015 11:00

Erika Pomella

Recensione Film, Commedia, ammazzare il capo,

Come ammazzare il capo 2

Avete mai pensato a quanto sarebbe comodo avere un impianto doccia che, insieme all’acqua, diffonde anche il sapone? È questa l’idea “geniale” balenata nella me

29981-.jpeg

Avete mai pensato a quanto sarebbe comodo avere un impianto doccia che, insieme all’acqua, diffonde anche il sapone? È questa l’idea “geniale” balenata nella mente del trio composto da Nick (Jason Bateman), Dale (Charlie Day) e Kurt (Jason Sudeikis). Dopo aver tentato di liberarsi dei propri datori di lavoro ed essersi immersi nel mare della disoccupazione, i tre hanno avuto finalmente l’idea vincente che potrebbe cambiare la loro vita. Ma, si sa, per fare soldi occorrono soldi: ecco perché si rivolgono a un imprenditore (Christoph Waltz), disposto a finanziarli. L’uomo però non si mostra né gentile né ben disposto verso il progetto: così Nick, Dale e Kurt decidono di rapire suo figlio (Chris Pine) e chiedere un riscatto. Il piano, che sulla carta sembrava perfetto e scevro di complicazioni, finirà ben presto per trasformarsi in una giostra di imprevisti e avventure assurde, in cui i tre incroceranno di nuovo la strada dei vecchi, odiatissimi boss.


Era il 2011 quando il regista Seth Gordon firmava Come ammazzare il capo…e vivere felici, innocua commedia che sbancò il botteghino USA, portando incassi da capogiro che spiegano da soli il motivo di questo sequel. La pellicola precedente era infatti un racconto autoconcluso, interessante pur nei suoi limiti, che non necessitava di un seguito. Se infatti la scelta di serialità può da una parte passare come desiderio di auto-rinnovamento, dall’altra mostra chiaramente che la storia di Nick, Dale e Kurt era “perfetta” così come era stata pensata, senza necessità di proseguire in un’altra avventura. Lo spettatore si trova stavolta davanti a un prodotto sciatto, superficiale, confuso rispetto alla strada da seguire. Per tutta la sua durata è preponderante la sensazione non solo di già visto, ma anche di un film evitabile: tutto sembra meccanico e artificiale, come se i pezzi messi insieme non riuscissero a funzionare come pronosticato. Peccato, perché alcune sequenze, se prese nella loro individualità, procedono benissimo. Tuttavia, anche le scene che strappano ben più di un semplice sorriso, rimangono isolate e prive di un quadro generale che possa fare da scheletro a gag - anche esilaranti - che ben presto finiscono per essere semplici lampi nel buio. Il cast (sempre d’alto livello) si diverte sul set, ma lo spettatore non riesce mai a condividere fino in fondo questo stato goliardico, tanto da trovarsi a vivere una sorta di dimensione intermedia tra la noia e il divertimento. Come ammazzare il capo 2 è una pellicola così leggera che potrebbe volare via senza che nessuno ne rimpiangesse l’esistenza. Lati positivi sono senza dubbio la colonna sonora e l’ottima chimica fra gli attori in scena: un plauso particolare va a Jennifer Aniston - sempre adorabile nel suo essere diabolica - e al simpatico Jamie Foxx. Il due volte Premio Oscar Christoph Waltz - new entry del film - si conferma pieno di talento, ma bisogna far attenzione affinché il pubblico non si stanchi di personaggi sempre troppo uguali a sé stessi.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder