facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Zoolander

02/07/2016 11:00

Giovanni Miele

Recensione Film,

Zoolander

Lo stilista Jacobean Mugatu (Will Ferrell) è incaricato dall'industria della moda di assassinare il nemico numero uno degli abiti confezionati a buon mercato: i

34481-.jpeg

Lo stilista Jacobean Mugatu (Will Ferrell) è incaricato dall'industria della moda di assassinare il nemico numero uno degli abiti confezionati a buon mercato: il neoeletto primo ministro malese, in visita a New York durante la settimana della moda. Mugatu e la loggia massonica del fashion decidono di servirsi di un modello sciocco ma debitamente addestrato per diventare un killer e portare a termine il piano. Derek Zoolander (Ben Stiller), vincitore per tre anni di seguito del titolo di modello dell'anno, “figoso” quanto stupido, soffre per la competizione con il giovane, angelico e un po' freak, Hansel (Owen Wilson). Nello sconforto, Derek abbandona le passerelle per tornare nel New Jersey a lavorare in miniera col padre (Jon Voight) e i due fratelli, che faticano ad accettarlo. Ma Mugatu riuscirà a circuirlo e a prenderlo con sé per istruirlo alla missione segreta, con un metodo decisamente letale. Toccherà alla giornalista Matilda Jeffries (Christine Taylor) e al suo "rivale" Hansel salvarlo dal lavaggio del cervello di Mugatu.


Quando il crimine è in agguato, ogni supereroe è pronto ad agire. E se il crimine ha il volto paillettes e lustrini dell'industria della moda, solo un supermodello-sirenetto “bello bello in modo assurdo” può sconfiggerlo! Zoolander è una commedia esilarante, che trova nell'eccesso il mezzo per ironizzare su un mondo - quello della moda - che di esagerazione vive. Spesso volgare e persino demenziale, la pellicola racconta di un universo esilarante fatto di modelli burattini, “stupidi in modo assurdo”, che si trovano ad avere nelle mani il destino dell'umanità. E che alla fine riescono anche a salvarla. Scritto, diretto e interpretato da Ben Stiller, Zoolander racconta il mondo della moda dei primi anni Duemila: dei super top model a cui bastava un' espressione per sfondare; dei modelli, quelli veri, esempio per milioni di giovani e stereotipo di una bellezza vuota, padroni di un mondo fatto di copertine e passerelle che permettevano anche ai sempliciotti di diventare icone di stile. Un mondo lontano rispetto a quello popolato dalle odierne star della rete, a cui basta il selfie postato nel momento giusto sulla rete per essere popolari.


Ben Stiller anima un film che non risente della trama quasi del tutto inesistente e che riesce a far ridere grazie ai personaggi esagerati. Zoolander, in completo pitonato; Hansel, con capelli biondi al vento, giacca con frange e monopattino in spalla; Mugatu dalla capigliatura improbabile e inseparabile barboncino. Tutte figure eccentriche e spassose, parodia di gran parte della cultura pop e del costume occidentale degli anni '70, '80 e '90. Riuscitissime anche le situazioni paradossali, vere e proprie gag fatte di situazioni e dialoghi completamente non-sense, come la cerimonia di premiazione del modello dell'anno; l'esplosione alla pompa di benzina; lo scontro tra Derek e Hansel a colpi di sguardi. Ma Zoolander non è solo umorismo spiccio, Stiller cita addirittura Kubrick: nella sequenza del lavaggio del cervello in laboratorio, dove le note della nona sinfonia del trattamento Ludovico sono sostituite da quelle di Relax dei Frankie goes to Hollywood, e nello scontro dei due sapiens urlanti e saltellanti e armati di osso contro il mac. A rendere il tutto molto, molto pop concorrono poi la serie di guest star e i cameo di personaggi del mondo dello spettacolo, del cinema e della musica. Su tutti spicca quello del Duca Bianco David Bowie nel ruolo di se stesso nelle vesti di un improbabile giudice pronto a scegliere la migliore performance in passerella tra Derek e Hansel. Un film divertente e grottesco, che fa dell'assurdo il suo punto di forza. Un “bello e stupido” che salva le sorti dell'intero pianeta, ma anche un eroe di tutti i giorni che aiuta i ragazzi che non sanno leggere e che vogliono imparare altre cose buone, dimostrando che anche così si può essere belli in modo assurdo.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder