facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

La ragazza del mio migliore amico

06/15/2009 10:00

Marco Etnasi

Recensione Film,

La ragazza del mio migliore amico

Tank (Dane Cook) è un ragazzo affascinante, spigliato, simpatico, ma soprattutto con una capacità fuori dal comune: farsi odiare dalle donne...

4461-.jpeg

Tank (Dane Cook) è un ragazzo affascinante, spigliato, simpatico, ma soprattutto con una capacità fuori dal comune: farsi odiare dalle donne. Dustin (Jason Biggs) , classico giovane complessato ed impacciato, è follemente innamorato di Alexis (Kate Hudson). Dopo cinque settimane di corteggiamenti però Dustin diventa ossessionato dai propri sentimenti nei confronti di Alexis ed i due si allontanano. Disperato chiede un insolito favore al suo migliore amico Tank: far passare alla ragazza dei suoi sogni una serata da incubo per spingerla nuovamente tra le sue braccia. Ma le cose non vanno esattamente come da pronostico…


Diretto da Howard Deutch (autore dello spassoso Le Riserve con Keanu Reeves nelle vesti di un decadente giocatore di football americano in cerca di gloria), La ragazza del mio migliore amico è una commedia che segue senza tanti stravolgimenti il filone della comicità demenziale basata su canonici doppi sensi e sull’incapacità umana di mostrare con convinzione i propri sentimenti. Il film del regista statunitense si infrange sin dalle prime scene sul grande, enorme scoglio della banalità e della mancanza di fantasia. My best friend’s girl, infatti, non aggiunge nulla di nuovo al cinema comico, anzi Deutch riesce nell’intento di fare non uno, ma due passi indietro, scegliendo di affidare le sorti della vicenda ai classici imbranati cronici, e farli interagire tra doppi sensi ed una mal celata volgarità (alla American Pie per intenderci), il tutto accompagnato da corteggiatori spietati col cuore tenero, che ricordano vagamente Hitch.


La sceneggiatura dell’esordiente Jordan Cahan non scade però in tutti i suoi elementi, lasciando comunque emergere delle buone sequenze romantiche dal sostrato comico. Unico elemento che rivitalizza la pellicola e la fa risorgere dalla monotonia del déjà-vu è il fenomeno comico del momento: Dane Cook. Il cabarettista americano riesce a spaziare su più generi non fossilizzandosi solamente sul lato prettamente ironico della pellicola, ma interpretando in maniera più che convincente un personaggio a tutto tondo che trova nell’ilarità una semplice via di fuga dai personali problemi emotivi. Stessa cosa non può dirsi di Jason Biggs, ormai ingabbiato nell’insicuro Jim Levenstein di American Pie, o Kate Hudson che, nonostante la buona interpretazione, non va oltre le aspettative; mentre Alec Baldwin, a discapito del minutaggio concessogli, interpreta splendidamente uno spassoso genitore non convenzionale. Insomma un film che sicuramente non riesce ad incidere come vorrebbe ma che, forte anche del periodo di uscita, si lascia guardare strappando non più di qualche sorriso.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder